Articoli taggati :

ricompensa

il potere delle convinzioni

Le convinzioni hanno un effetto potente sulla nostra vita.

È risaputo che se qualcuno crede veramente di poter fare qualcosa la farà, e se crede che qualcosa sia impossibile nessuno sforzo lo convincerà che la si possa realizzare.

Sfortunatamente molti malati, come quelli colpiti dal cancro o da malattie cardiache, spesso si presentano ai medici ed ai loro amici con la stessa convinzione menzionata in questa storia.

Spesso le convinzioni del tipo:

  • Ormai è troppo tardi”,
  • “In ogni caso non c’è niente che io possa fare”,
  • “Sono una vittima… è giunta la mia ora”

possono limitare tutte le risorse della persona.

C’è una vecchia storia, riportata da Abraham Maslow( psicologo statunitense, ricercatore) su un paziente in cura presso uno psichiatra. Quel tale non mangiava o non si prendeva cura di sé, sostenendo che era un cadavere.
Lo psichiatra trascorse molte ore discutendo con lui per tentare di convincerlo di non essere un cadavere.
Alla fine gli chiese se i cadaveri sanguinano. L’uomo rispose: “Naturalmente i cadaveri non sanguinano, tutte le loro funzioni vitali sono cessate”.
Allora lo psichiatra lo convinse a tentare un esperimento. Lo avrebbe punto cautamente con uno spillo per vedere se cominciava a sanguinare. Il paziente acconsentì. Dopo tutto, era un cadavere.
Lo psichiatra lo punse delicatamente con un ago e questi, ovviamente, cominciò a sanguinare. Il paziente assunse un’espressione turbata e stupita e disse, con un filo di voce: “Dannazione… i cadaveri SANGUINANO!”

Le nostre convinzioni riguardo a noi stessi ed alle possibilità offerte dal mondo in cui viviamo, incidono sensibilmente sulla nostra efficienza giornaliera.

Tutti noi abbiamo sia delle convinzioni che rappresentano delle risorse sia delle convinzioni che ci limitano.

Un altro esempio del potere delle convinzioni, sia di quelle limitanti che di quelle potenzianti, è quello del ‘miglio in quattro minuti’.
Prima del 6 Maggio 1954, si credeva che quattro minuti fossero una barriera insuperabile per la velocità con cui un essere umano può percorrere circa un km e mezzo.
Nei nove anni che precedettero la giornata storica in cui Roger Bannister infranse il tetto dei quattro minuti, nessun atleta si era neanche avvicinato a quel record.
Entro le sei settimane successive all’impresa di Bannister, l’atleta australiano John Lundy lo abbassò di un altro secondo.
Entro i nove anni successivi quasi duecento persone hanno infranto quella barriera apparentemente impenetrabile.

Il potere delle convinzioni è stato dimostrato grazie ad una ricerca illuminante su alcuni bambini che, in seguito ad un test, erano stati ritenuti di media intelligenza, divisi in modo casuale in due gruppi di uguale entità.

Uno dei gruppi è stato assegnato ad un insegnante a cui è stato detto che i bambini erano “dotati”.

L’altro gruppo è stato affidato ad un insegnante a cui è stato detto che i bambini erano “lenti nell’apprendimento”.

Dopo un anno i due gruppi sono stati sottoposti nuovamente ai test di intelligenza.

Non è certo sorprendente che la maggioranza del gruppo che era stato arbitrariamente classificato come “dotato” abbia ottenuto risultati migliori che in precedenza, mentre la maggioranza dei bambini del gruppo classificato “lento nell’ apprendimento” abbia ottenuto risultati inferiori.

Le convinzioni dell’insegnante riguardo agli studenti avevano influito sulla loro abilità di apprendere.

Certamente, questi esempi sembrano voler dimostrare che le nostre convinzioni possono plasmare, influenzare o perfino stabilire il nostro grado di intelligenza, di salute, di relazioni, di creatività, addirittura il nostro grado di felicità e di successo personale.

Inoltre, se le nostre convinzioni esercitano un potere così straordinario sulla nostra vita, in che modo possiamo controllarle ed evitare che siano esse a controllarci?

Molte convinzioni sono state installate dai genitori, dagli insegnanti, dagli educatori e dai media quando eravamo bambini, prima che fossimo consapevoli del loro impatto, o che fossimo in grado di fare delle scelte in merito.

Per cambiare qualcosa, devi prima identificarlo.È importante rimanere pertinenti.

Tutti abbiamo tonnellate di convinzioni limitanti, ma la verità è che molte di loro sono irrilevanti.

Preoccupati quindi solo delle convinzioni limitanti che avranno il maggiore impatto,quando hai analizzato quelle, puoi occuparti di altro.

Parte del successo è concentrarsi sulle questioni più importanti della nostra vita.

Fai un elenco delle aree della tua vita in cui ti senti sfidato.

Se hai un’area della tua vita che ti dispiace e non stai attivamente facendo qualcosa per ripararla, allora è una bella sfida che tu abbia una convinzione limitante.

Altrimenti che senso avrebbe prodigarsi e fare qualcosa per cambiare la situazione?

Il tuo comportamento è un indicatore delle tue convinzioni.

Considera come stai andando nelle seguenti aree:

  • Senti una pressione finanziaria nella tua vita? Hai tutte le cose di cui hai bisogno o che vuoi davvero? Quanti soldi hai nei risparmi? Hai le entrate che desideri? Quel reddito è sicuro?
  • Le tue relazioni sono soddisfacenti? Considera la tua relazione intima e anche le relazioni con la famiglia, gli amici e i colleghi.
  • Ti stai prendendo cura di te stesso? Come va il tuo peso? Vai dal medico regolarmente per i controlli?
  • Divertimento e avventura. Stai facendo le cose che vuoi davvero fare? Sogni di andare all’estero ma non lo hai ancora fatto? Vuoi imparare a suonare la chitarra ma non l’hai mai fatto?
  • Qualsiasi altro aspetto della tua vita in cui stai vivendo insoddisfazione. Pensa a qualsiasi altra parte della tua vita in cui sei meno che soddisfatto. Se non sei soddisfatto della tua vita, una convinzione limitante potrebbe essere la causa.

 Identifica le credenze che stanno contribuendo alle tue sfide.

Fai un elenco di tutte le tue convinzioni, buone e cattive, riguardo alle sfide che hai identificato sopra.

Non tentare di filtrarli come positivi o negativi durante l’esecuzione di questo processo, basta elencarli tutti mentre fai il brainstorming ed esaminarli in seguito.

Ecco un breve esempio di convinzioni limitanti riguardo il denaro:

  • Non sarò mai ricco.
  • I ricchi sono disonesti.
  • Non avrò mai abbastanza soldi per avere una bella casa.
  • Se sono ricco, le persone proveranno a derubarmi.
  • I miei amici mi tratteranno diversamente se avrò molti soldi.

Riesci a capire perché sarebbe difficile guadagnare molti soldi se credi a queste cose?

 Identifica le credenze che ti trattengono.

Pensa a quali credenze stanno avendo il maggiore impatto negativo sulla tua vita.

Un modo per farlo è quello di:

considera come cambierebbe il tuo comportamento se quella convinzione fosse eliminata dalla tua vita.

Esaminale sinceramente e considera il cambiamento che la tua vita subirebbe se non fossi trattenuto da quella convinzione.

Metti in ordine quelle credenze negative.

Inizia con la convinzione limitante che ritieni stia creando la sfida più grande nella tua vita.

Mettili tutti in ordine dalla convinzione che ha il massimo impatto negativo al minimo.

La priorità del tempo è sempre una strategia preziosa.

Ora che hai un elenco delle tue convinzioni limitanti e le hai in ordine, è tempo di iniziare a gestirle.

 Come eliminare una convinzione limitante?

Segui questo processo per sbarazzarti di una convinzione limitante:

  1. Leggi la convinzione ad alta voce e chiediti: ” So davvero che questo è vero?”

L’hai provato tu stesso abbastanza volte da essere sicuro che sia vero?

Ricorda, non puoi trarre con precisione conclusioni da un numero limitato di esperienze.

Sai davvero che questa convinzione è vera senza ombra di dubbio?

  1. Da dove ti è venuta questa convinzione?

Ad esempio, la tua convinzione limitante sul denaro è venuta dai tuoi genitori?

I tuoi genitori erano ricchi?

Se non lo fossero, non sono una fonte affidabile di informazioni.

Dopotutto, un esperto di denaro sarebbe in grado di averne molto.

Se qualcuno non ha avuto molti soldi, non sa davvero come accumularli o cosa significhi averli.

Valuta se la fonte della tua convinzione è valida o meno.

Le tue convinzioni dovrebbero provenire dalle tue esperienze personali e dai consigli degli esperti. 

Quindi affidati agli esperti! Sono facili da trovare con un po ‘di ricerca.

3.Basta affermare a te stesso: “ Ho scelto di non crederci più. Non è vero . “

Dichiarare la tua intenzione ha un profondo effetto.

Cerca prove a sostegno.Trova alcuni motivi ed esempi per cui questa convinzione limitante è falsa.

Per esempio:

  • La persona che mi ha detto questo non lo sa davvero.
  • Non l’ho mai provato da solo.
  • Ho visto altri che sono meno capaci di me avere successo in questo.

Per lo meno, dovresti provare un senso di dubbio su quella convinzione limitante.

In caso contrario, continua a trovare altri motivi.

Mettiti online e leggi alcuni articoli di qualcuno che ritieni sia veramente un esperto sull’argomento del tuo credo.

Cerca esempi in cui la convinzione è falsa.

Immagina quanto cambierebbe la tua vita se non avessi più questa convinzione.

  1. Crea una nuova convinzione che ti serve.

Questo sarà l’opposto della credenza limitante o almeno qualcosa del genere.

Crea una convinzione che migliorerà la tua vita e sosterrà la tua capacità di agire per migliorare la tua vita.

Trova esempi per supportare questa nuova convinzione.

Qualsiasi convinzione sarà più stabile se dispone di informazioni e prove a sostegno. Cerca davvero di dimostrare che è vero.

Immagina di dover dimostrare a qualcun altro che la tua nuova convinzione è accurata. Questo dovrebbe portarti dove devi essere.

5.Misura te stesso.

Ogni giorno, controlla te stesso.Come ti senti riguardo alla tua nuova convinzione?

Cosa provi per la tua vecchia convinzione? Misura il tuo istinto: è un collegamento diretto con il tuo subconscio.

Il tuo comportamento sta cambiando?

Se le tue convinzioni cambiano, anche il modo in cui agisci e senti cambierà.

Le nostre vite e sentimenti sono una manifestazione delle nostre credenze.

Se le tue convinzioni sono davvero cambiate, anche la tua vita cambierà.

  1. Torna al tuo elenco di credenze limitanti.

Continua a lavorare sul tuo elenco di credenze negative.

Lavora attraverso quegli elementi e continua ad aggiungere nuovi elementi al tuo elenco. Scoprirai che scoprirai nuove convinzioni limitanti mentre inizi a fare progressi nella tua vita.

Man mano che sperimentate cose nuove, appariranno nuove credenze limitanti, queste sono credenze che non sapevi di avere fino a questo punto.

Quando stabilisci nuovi obiettivi, si presenteranno nuove sfide.

Man mano che impari e sperimenti di più, i tuoi obiettivi cambiano, così cambieranno anche le convinzioni limitanti che hai.

Forse deciderai che tra 5 anni vorresti diventare un ingegnere, le convinzioni limitanti che hai sull’essere un ingegnere dovrebbero quindi essere affrontate.

Continua a esaminare la tua vita per limitare le convinzioni ed eliminarle.

È come tirare le erbacce, non importa quello che fai, alcune erbacce spuntano sempre nel tempo.

Basta riconoscerle e liberarsene.

  1. Ripetere tutti i passaggi precedenti su base regolare.

Mentre stabilisci nuovi obiettivi o hai nuove sfide nella tua vita, ripeti il ​​processo sopra.

Siediti una volta alla settimana e fai un nuovo elenco di credenze limitanti.

Sarai inarrestabile.

“A volte tutto ciò che serve per cambiare una vita è decidere quali credenze non ti servono e cambiare letteralmente la tua mente su quelle credenze” Joy Page

Sei anche tu un genitore single? Ecco come vivere meglio insieme ai nostri figli

Paola è una mamma single con una figlia di nove anni, che ha allevato da sola da quando Carolina era una bambina. “La parte più difficile dell’essere un genitore single è non avere nessun supporto quando Carolina si comporta in modo scorretto, quando non mi ascolta, e io non so proprio cosa fare. Sto davvero diventando ansiosa per la sua adolescenza. Non sono sicura di poterla “tenere in pista” da sola, è così ostinata.”

 

Paola è lontana dall’essere sola, anche se la monogenitorialità è uno dei lavori più difficili del pianeta, questo è vero, tuttavia più del 50% delle famiglie in Europa è guidato da una sola madre o padre . Gran parte del tempo in cui un genitore lavora a tempo pieno, cerca di mantenere la casa, oltre a tutto ciò che fornisce al figlio, alle volte, è ripagato con capricci, disubbidienze e risposte arroganti.

A peggiorare le cose ci sono i sensi di colpa che molti genitori single provano, questo mette a repentaglio il lavoro che sta facendo per crescerlo, da solo, nella giusta direzione con regole e principi. Quindi cosa puoi fare per mantenere la fiducia in te stesso e la pace nella tua casa?

 

  1. Ricorda che due sono una famiglia

 

Un genitore single con un figlio, è una famiglia. Nella società, quasi tutto è attribuito ai genitori single e alle famiglie distrutte, ed è molto triste perché non è vero. La cosa più importante non è il numero di genitori in casa, ma chi fa il genitore. Chiedo spesso ai miei clienti: “Non conosci genitori single che hanno allevato grandi figli?” la risposta è sempre :” SI”.

Quindi, invece di pensare, “Siamo una famiglia distrutta”, diciamo, “Siamo una famiglia monoparentale” , è solo un tipo diverso di gruppo. Ritengo che essere un genitore single di successo risieda nella tua percezione. 

Con questo intendo che i genitori single pensano spesso che sia più difficile per loro. È così facile pensare che l’erba sia più verde dall’altra parte, eppure quando hai una famiglia con due genitori, il tuo coniuge potrebbe non essere così accondiscendente: di solito c’è un genitore che preferisce essere più severo e uno più indulgente, e poi combattono su chi ha ragione. Una grande parte del cambiamento delle tue percezioni sulla genitorialità single è se vedi la tua situazione in modo diverso. Cerca di vedere la situazione della tua famiglia come un’opportunità piuttosto che un fallimento. Non fraintendermi, non sto dicendo che non ci siano difficoltà nell’essere una mamma o un papà single, ma ci sono anche dei vantaggi da tenere presente.

 

  1. Rinuncia alla tua colpa

 

E’ una realtà che i tuoi figli, crescendo, prenderanno sempre più forza e ruolo, in famiglia. Se un genitore single si sente in colpa per lo scioglimento del matrimonio, per la sua capacità di adempire finanziariamente ai propri doveri o per qualsiasi altra ragione, i bambini si faranno forza di questo, perché se ne accorgeranno e vi si rivolteranno contro, facendovi sentire inadeguati, sbagliati e incapaci, alle volte.

Se invece sarete sinceri e assertivi dicendo: “Questo è il modo con cui ritengo che la nostra famiglia debba crescere, faremo del nostro meglio, farai tu del tuo meglio affinchè noi cresceremo al massimo”, il bambino riprende quella fiducia, sicurezza e si impegnerà a sua volta. Non sentirti in colpa, non cercare di  “inventare qualcosa” ai propri figli, altrimenti i bambini si sentiranno autorizzati nel non credervi più e quindi nel mentirvi a loro volta.

 

  1. Fai sapere ai tuoi figli che sono necessari in famiglia

Uno dei maggiori problemi con i bambini di oggi è che non sono “necessari” in famiglia. Non hanno abbastanza responsabilità e non sono tenuti a soddisfare quelle che hanno. Ma un genitore single può dire sinceramente: “Siamo una squadra, possiamo condividere la responsabilità”. Dai ai tuoi figli l’opportunità di sentirsi necessario e apprezzato. Dare loro delle vere responsabilità a casa, come aiutare con il bucato o la cena (a seconda dell’età del bambino). I genitori single possono considerarla un’opportunità e dire “Wow, ho veramente bisogno dei miei figli”.

 

 

  1. Risolvi i problemi insieme

 

 Più li coinvolgi in: “Qual è il problema e qual è la soluzione?”, più si sentiranno motivati ​​a seguire quelle regole. Penso che i problemi sorgano quando i genitori iniziano a dettare le regole, e i genitori single possono ritenere di dover essere più punitivi per mantenere il controllo. Abbiamo tanta paura che se non aggiungiamo una punizione, lasceremo che il bambino se la cava con poco.

Credo nel permettere ai bambini di sperimentare le conseguenze delle loro scelte.

Se il tuo figlio è disattento, va in bicicletta sul vialetto e viene investito, un genitore potrebbe punirlo dicendo “OK, non ti comprerò mai una moto e questa estate non puoi più andare in bici” non consideri che ha già vissuto la sua conseguenze di ciò che è accaduto: si è fatto/a male, ha perso la sua bici. Invece, se ti concentri sulle soluzioni con i tuoi figli, puoi aiutarli a essere più responsabili. Quindi potresti dire: “Sono disposto a sedermi e pensare con te su come puoi guadagnare un po’ di soldi per comprare una nuova bicicletta”(dipende dall’età del fiiglio o figlia, ovviamente). Trovate una soluzione insieme. È una questione di consapevolezza, così puoi concentrarti sulle soluzioni.

 

  1. Quello che succede a casa dell ‘ ex rimane a casa dell’ex

Quando è coinvolto un altro genitore o un ex-coniuge, le cose possono complicarsi, specialmente se le regole dell’altra famiglia in cui il bambino trascorre il proprio tempo sono diverse. Spesso i bambini cercheranno di negoziare con te in base a quello che succede a casa tua. Quando i tuoi figli non vogliono seguire le regole della tua famiglia, puoi dire: “Questo è il modo in cui facciamo le cose nella nostra casa”. Non lasciarti ricattare o controllare dall’ ex e dalle regole (o la loro mancanza) della loro casa.

 

  1. Avere incontri familiari regolari con i figli

 

Questo è importante per tutte le famiglie, ma è particolarmente utile per i genitori single in quanto serve a fornire una struttura. Siediti una volta alla settimana e concentrati su ciò che sta accadendo in famiglia. Consiglio ai genitori di iniziare l’incontro con i complimenti, di verbalizzarli e poi concentrarsi sulle soluzioni ai problemi che stanno crescendo. Potresti dire “caro/a, apprezzo molto il modo in cui hai tenuto pulita la tua stanza ultimamente,bel lavoro!.”

Fai il giro del tavolo e chiedi a tutti di dire qualcosa di buono su ogni persona presente. Quindi lavora insieme come una famiglia per stabilire nuove regole.

Con le riunioni familiari, i figli si sentono necessari, dotati di poteri e motivati ​​ad assumersi le proprie responsabilità. Si sentono ascoltati, valutati, presi sul serio. I bambini si ribellano se percepiscono che continuiamo a cercare di togliere il loro potere. Abbiamo bisogno di iniziare a consentire ai nostri figli di usare il potere che stanno avendo in modo rispettoso per tutti. Ecco perché amo le riunioni di famiglia.

Insegna loro a contribuire e ad usare il loro potere in modi utili, rendi la data importante sul tuo calendario in modo che anche i figli lo sappiano.

Puoi anche utilizzare le riunioni di famiglia per elaborare idee per attività che vorresti fare tutti insieme: ognuno può dare un suggerimento. Anche se il tempo è un premio per i genitori single, ricordati di pianificare il tempo per il divertimento con loro. Non deve costare per forza tanto denaro, purchè sia del tempo condiviso e apprezzato da tutti i componenti della famiglia.

Non sempre è facile mettere d’accordo tutti, soprattutto se si hanno figli di sesso opposto e con età diverse, in quel caso cerca di dividere i tempi di frequentazione dell’uno e dell’altra in modo da viverli separatamente e in armonia entrambe. Questo ti aiuterà a rafforzare la tua famiglia e ti metterà sulla strada del successo dei genitori single.

COS’E’ LA “LIBERTA’ PERSONALE”?

L’etimologia della parola libertà viene dal latino libertas, a sua volta derivata da “liber” = uomo legalmente libero cioè il contrario del servus, lo schiavo. Infatti, nell’antichità, si poteva nascere sia “liber”, sia “servus” (e così si poteva rimanere per tutta la vita);  in qualche caso, invece, la libertà si poteva perdere o acquisire (il “liberto”, appunto, era colui che era passato dallo stato di servus a quello di liber).

 

La libertà della persona nell’andare e nel venire, l’uguaglianza davanti ai tribunali, la sicurezza della proprietà privata, la libertà di opinione e la sua espressione, e la libertà di coscienza soggetta ai diritti degli altri e del pubblico.

Libertà è quindi la condizione di chi può decidere a suo piacere della propria persona, di chi può godere della propria autodeterminazione.

La libertà personale così come definita qui, ha due parti distinte ma complementari.

Primo, consideriamo la classica libertà degli individui dall’oppressione statale: la legge protegge i diritti delle persone alla vita, alla libertà, alla proprietà e alla ricerca della felicità, e la legge è rispettata?

Secondo, analizziamo gli atteggiamenti della società: la differenza è accettata e le persone sono libere di vivere la propria vita senza ostilità o indebita pressione sociale?

 

La libertà personale ha raggiunto il suo punto più forte nella storia dell’indice di prosperità, contribuendo in modo significativo alla crescita della prosperità globale complessiva. Ma nonostante questo quadro globale positivo, diverse regioni hanno registrato una riduzione delle prestazioni, tra cui il Nord America e parti dell’Europa occidentale e orientale.

L’idea che ci siamo fatti su cosa sia la libertà personale è che sia qualcosa che non si può solo sognare e dissipare: “La differenza tra sognare la libertà personale e avere una mentalità rivolta alla  libertà personale si riduce all’atteggiamento e all’azione di ognuno di noi“.

Persone che abbiamo intervistato con un alto livello di carica business hanno riportato tre elementi ricorrenti fondamentali nelle loro vite, per riuscire ad avere la libertà intesa a livello globale:

  1. Avere il controllo della propria “time line”.
  2. Avere il controllo della propria direzione.
  3. Avere il controllo delle proprie entrate.

La  “time line” è la linea del tempo di ognuno di noi , ossia il passato, ciò che hai fatto e come lo hai affrontato ( hai l’esempio quindi di cosa andava e cosa non andava per modificare le nuove azioni da intraprendere), il tuo presente e il tuo futuro. Se hai il controllo del presente e ben chiaro il tuo futuro riuscirai a delineare gli spazi necessari per essere libero ORA.

Il controllo della direzione è anch’essa la libertà di poter decidere cosa è meglio fare adesso, per arrivare al tuo focus, che strade prendere e dove direzionare l’ attenzione e su chi, questo in base alle tue priorità. In ultimo, ma non di importanza, è avere il controllo sulle tue entrate, la libertà è anche  finanziaria, il non aver il pensiero di arrivare a fine mese.

La libertà personale quindi, in questo contesto, non significa essere liberi di stare in giro tutto il giorno e giocare ai videogiochi. Piacerebbe a tutti tornare indietro nel tempo all’epoca dei nostri giochi preferiti, o avere il tempo di oziare per l’intera giornata, ma non abbiamo quel tipo di tempo.

Quello che  è in nostro potere ora in merito alla libertà, è il poter di determinare ciò che è importante per noi e per le nostre attività, e di concentrare il nostro tempo e i nostri  sforzi in quel senso.

Quindi cosa significa per te libertà? Devi decidere cosa è più importante per te.

Essere in grado di trascorrere del tempo con la tua famiglia?

Essere in grado di determinare da solo su quali progetti e iniziative lavorerai?

O forse di  metterti in una nuova posizione finanziaria  in cui il tuo reddito non è più determinato da un capo e da uno stipendio fisso mensile ma dalla dipendenza di un’attività in proprio?

Uno degli aspetti più importanti della libertà personale è avere …..

Compila il form per avere l’articolo completo e tanti altri articoli utili per vivere la vita che desideri 

S.O.S: Come dire ai figli che mamma e papà si separano o divorziano

Una guida per fasce d’età

La notizia che mamma e papà si stanno separando colpisce un bambino di tre anni e un bambino di undici anni in modo diverso. Ecco come aiutare i bambini a gestire la situazione  a qualsiasi età.

Due genitori premurosi si sedettero accanto al loro figlio in età prescolare per informarlo del loro imminente divorzio. Con attenzione e dolcezza, gli dissero che mamma e papà avrebbero smesso di vivere insieme e che da quel momento avrebbero vissuto in case diverse, ma lui li vedrà comunque regolarmente entrambe. Finirono col dirgli il punto più importante, che mamma e papà lo amavano ancora di più e gli chiesero se avesse delle domande. Il bambino di quattro anni rimase in silenzio, poi disse: “Chi si prenderà cura di me?”

Questa piccola storia, raccontata dallo psicologo, mediatore e scrittore californiano Joan B. Kelly, offre una finestra sulle differenze tra le esperienze di divorzio tra adulti e bambini. Questi genitori avevano fatto tutte le cose giuste, avevano cercato una consulenza professionale e cercavano di dare a loro figlio le informazioni essenziali senza agitarlo. Eppure non sono riusciti a superare questo punto chiave, che poteva sembrare ovvio per loro, ma non lo era per il figlio.

Gli adulti vedono il divorzio per la complessa e sfaccettata situazione che è. I bambini piccoli tendono a vederlo in termini concreti ed egocentrici. Grandi rassicurazioni significheranno poco per un bambino che si chiede, “Dove vivrà il gatto?”,ad esempio . Capire dove sono i bambini, a livello evolutivo, può aiutarli ad adattarsi alla realtà del divorzio.

Come parlare ai figli dai 3 ai 5 anni sul divorzio:

  •  iniziano a sviluppare l’indipendenza, ma ancora altamente dipendenti dai genitori
  • capacità limitata di comprendere causa ed effetto; ancora incapaci di pensare al futuro
  • la comprensione del mondo ruota intorno a se stessi
  • la linea tra fantasia e realtà è a volte sfocata
  • alcune capacità di pensare ai sentimenti, ma limitata capacità di parlarne.

 

Quando ho incontrato Nicola e sua moglie Lisa l’autunno scorso, mi hanno raccontato della loro separazione e che i loro due figli, Andrea, sei anni, e Caterina, quattro, erano già abituati a stare con papà la maggior parte del tempo, dal momento che il lavoro di mamma la teneva fuori  città tranne pochi giorni al mese. Quindi, quando Lisa si trasferì dalla loro casa di Milano a Firenze,  ci volle un po ‘di tempo per capire il cambiamento. Quando i bambini tornarono a Milano dopo la loro prima visita del fine settimana dalla  madre, Caterina disse: “Mamma viene a casa nostra?” Anche se l’avevano appena lasciata. Ci vorrà tempo per la piccola e molte spiegazioni semplici prima che lei possa capire e metabolizzare come stanno realmente le cose.

 

Che cosa guardare: i segni di sofferenza nei bambini in età prescolare includono paura, rabbia o instabilità emotiva, che possono essere espressi indirettamente attraverso l’attaccamento, l’ansia o l’irritabilità generale. I bambini in età prescolare possono anche rallentare il loro sviluppo e avere risvegli notturni frequenti, per esempio.

Con la loro limitata capacità cognitiva, i bambini di tre e quattro anni possono sviluppare idee imprecise sulle cause e gli effetti del divorzio, specialisti in parent coaching americani hanno affermato che i bimbi in questa situazione pensano: “Se papà è quello che lascia la casa, ‘papà mi ha lasciato,’ piuttosto che ‘papà ha lasciato mamma,'”.  I bambini devono capire che la decisione di vivere separati è una decisione degli adulti e per  loro è difficile capirlo.

 

Priorità genitoriali: la cura costante da ai bambini un senso di stabilità e rassicurazione, quindi, per quanto possibile, le vite dei bambini devono essere ancorate alle loro normali abitudini (pasti, giochi, bagno, letto) in presenza di un genitore che è “lì per loro”. Questo, ovviamente, è importante per tutti i bambini , ma soprattutto dopo il divorzio. Come ho potuto osservare, se le cose non allontanarsi da casa andando sempre più spesso con gli amici. Bambini piccoli e bambini in età prescolare non possono.

I bambini in età prescolare hanno bisogno di spiegazioni semplici e concrete. Attenersi a quelle basiche: quale genitore si trasferirà, dove il bambino vivrà, chi si occuperà di lui e con quale frequenza vedrà l’altro genitore. Siate preparati alle domande; fornite risposte brevi, quindi attenderete per vedere se ce ne sono altre. Non aspettatevi che una conversazione  finisca il vostro lavoro; pianificate diversi e brevi colloqui coi piccoli.

Come parlare ai figli dai 6-11 anni sul divorzio:

Da 6-8 anni 

Compila il form per leggere l’articolo completo e per poter accedere a tutti gli articoli che possono esserti utili per vivere la vita che desideri

COSA FANNO LE PERSONE CHE SONO FELICI PER ESSERE FELICI?

Normalmente pensiamo che l’obiettivo finale di tutti sia essere felici e amare la propria vita.

Ma quante persone davvero lo sono? Se mai incontrerai i pochi fortunati che amano sinceramente la vita che stanno vivendo, potresti chiedergli: “Cosa stai facendo in modo diverso dagli altri per stare così bene?”

Se questo pensiero ti è mai passato per la testa, ti diamo un piccolo elenco, in base alla nostra esperienza di coach, di cose che queste persone “fortunate” fanno per essere felici,  così da crearti spunti di riflessione per la tua vita.

1.Sono consapevoli  che la vita è breve.

Potrebbe sembrare un cliché, ma le persone che amano le loro vite sanno che ogni momento è un dono prezioso. Spesso hanno in mente la loro mortalità, non in modo ossessivo, ma in un modo che ricorda loro di vivere ogni giorno al massimo e di non dare per scontata una sola cosa.

2.Non chiedono l’attenzione degli altri.

Se sei felice e ami la vita che stai vivendo, non è necessario essere il centro costante dell’attenzione altrui. Le persone che amano le loro vite tendono ad essere sicure di sé e non hanno bisogno che tutti cadano ai loro piedi per sentirsi bene con se stessi.

3.Sono saggi nei  loro acquisti.

Le persone felici si rendono conto che essere impulsivi o troppo generosi in certi acquisti, creerà in loro conseguenze negative. Pensano prima di passare ai fatti, nel caso chiedono finanziamenti e si assicurano di non indebitarsi mai, perché ciò causerebbe uno stress non necessario.

4.Sono in contatto con i loro sentimenti.

Una cosa molto bella  della vita è amare le altre persone e sentire profondamente le nostre emozioni. Non possono garantire che le loro emozioni siano sempre buone, le persone che amano le loro vite si permettono di sentire ed esprimere emozioni, si rendono conto che i sentimenti fanno parte della vita e non li reprimono.

 5.Rivendicano il loro potere.

In altre parole, non permettono a nessuno di controllare il loro mondo. Per esempio: se qualcuno gli dice qualcosa di brutto , non gli lasciano spazio per rovinargli la vita. Cambiano ciò che possono, accettano ciò che non possono e lasciano che le emozioni negative li attraversino così da non lasciare che altre persone controllino il loro stato d’animo.

6.Consapevolmente agguerriti.

La vita non va mai come ci aspettiamo. Le persone felici lo sanno. Sanno che l’imprevisto può accadere, ma questo non gli impedisce di essere felici, semplicemente spostano le loro prospettive e trovano altre direzioni.

7.Sanno come controllare le loro azioni.

Alcune persone pensano che le azioni siano il risultato di qualche forza esterna. Quante volte hai sentito, “Mi ha fatto urlare perché ha detto qualcosa di stupido!” No. Nessuno ti fa gridare,tranne te. Sì, le persone possono farti arrabbiare, ma quello che fai con quella rabbia – e come lo incanali in un’azione – è un’altra storia. Le persone che amano le loro vite lo sanno.

8.Prendono la responsabilità delle proprie azioni.

Nessuno è perfetto. Come detto sopra, le persone felici sanno controllare le loro azioni. Tuttavia, a volte commettono errori. Se perdono temporaneamente il controllo e si comportano in un modo da  ferire qualcuno (o in modo non produttivo), si scusano. Dopo che si sono scusati, cambiano il loro comportamento.

9.Trasformano la loro passione in una carriera.

Probabilmente hai sentito la gente dire “Fai quello che ami e non lavorerai mai un giorno nella tua vita”. Molte persone sono d’accordo, ma non sanno come farlo accadere. Le persone che amano la vita sanno che c’è un modo per trasformare qualsiasi passione in un’opportunità economica.

10.Sanno di avere la capacità di controllare i loro pensieri.

Molte persone pensano che i loro pensieri siano senza controllo.Questo non è vero. In qualsiasi momento, hai la possibilità di scegliere un pensiero diverso., all’inizio potresti non crederci, ma più cambi il tuo pensiero in positivo più e più volte nella tua testa, più inizierai a viverlo davvero.

11.Si associano solo a persone positive che li rendono energeticamente forti.

Le persone felici non amano essere attorniati da persone negative. Si prosciugano e probabilmente preferiscono essere a casa a leggere un buon libro da soli rispetto a qualsiasi negatività. A nessuno piacciono i reclami, quindi le persone che amano le loro vite si circondano solo di altre persone positive.

12.A loro piace stare con le persone stare da soli.

Essere socievoli è divertente, ma anche essere soli ha i suoi benefici. Le persone che amano le loro vite sono in grado di incorporare entrambi nelle loro vite. Non necessariamente si appoggiano ad entrambi gli estremi; tendono ad avere equilibrio

 13.Sono fiduciosi nelle scelte che fanno.

Hanno la capacità di fare un passo indietro e analizzare logicamente le scelte che gli si presentano. Pensano prima di agire. Guardano le possibili conseguenze di ciascuna scelta. Una volta presa una decisione, ne sono fiduciosi. Anche se non risulta come previsto, possono cambiare le prospettive abbastanza facilmente e felicemente (vedi sopra).

14.Sanno come avere un’influenza positiva sugli altri.

Queste persone sanno che la loro vita è un esempio per il mondo. Sanno che altre persone li stanno guardando e cercano di essere da esempio. Vogliono solo diffondere felicità e gioia avendo un buon comportamento.

15.Amano se stessi.

Questo non è amore narcisistico (il narcisismo non è affatto amore per se stesso). Quello che vogliamo dire, concludendo,  è che a loro piace sinceramente chi sono. In altre parole, se fossero qualcun altro, probabilmente sarebbero amici con se stessi. Pensano di essere piuttosto fantastici.

Se non ami la tua vita, non perdere la speranza. Ci sono sempre dei cambiamenti che puoi fare per diventare più felice. Queste cose sono solo l’inizio per essere felici e amare la tua vita. Perché non provarne alcuni già da oggi?

 

Sei dipendente dall ‘infelicità ?

C’è una certa familiarità con l’essere insoddisfatti?

Una costante di base del comportamento umano è che le persone perseguono il piacere e cercano di evitare il dolore. Allora perché alcune persone sembrano contente di crogiolarsi nella loro infelicità, vantandosi persino di una specie di distintivo d’onore?Anche quando gli vengono dati consigli per migliorare la propria vita, preferiscono continuare a lamentarsi. C’è una certa familiarità con l’essere insoddisfatti che diventa un ostacolo al cambiamento? Dopo aver avuto un assaggio di gioia, perché alcune persone tornano immediatamente a ciò che non funziona?

Ci sono una serie di possibili spiegazioni per questa ” dipendenza ” dall’infelicità:

  • L’insicurezza radicata o la mancanza di autostima possono far sì che alcune persone non sentano di meritare la felicità .
  • Le persone che sono cresciute con uno stile genitoriale caratterizzato da eccessiva disciplina e aspettative non realistiche possono aver imparato a equiparare l’infelicità con l’amore e il successo.
  • Le lotte della vita con il trauma o altre esperienze negative possono alimentare un desiderio inconscio di ritornare continuamente allo status quo dell’infelicità.
  • Alcune persone si vantano di essere realisti, credendo che essere pratici significhi anche focalizzarsi solo sul negativo.
  • A causa di decisioni o esperienze nel loro passato, alcune persone sono consumate dalla colpa o dal rimpianto che non riescono a  superarlo. Così scelgono di punire se stessi e gli altri.
  • Alcune persone hanno paura di provare gioia perché i sentimenti positivi potrebbero essere un “anticipo” per la delusione.(cherofobici)
  • La prospettiva della felicità colpisce la paura dell’ignoto per coloro che non hanno mai provato altro che infelicità.
  • L’insoddisfazione diventa una motivazione per lavorare di più, cambiare lavoro, mangiare più sano, passare più tempo con amici e parenti o prevenire comportamenti o situazioni indesiderate.
  • Alcune persone lo rendono una missione personale per affrontare i problemi del mondo come propri. Per quanto nobili sotto certi aspetti, questi individui non possono permettersi di provare felicità quando, per esempio, le persone stanno morendo di fame o il riscaldamento globale sta danneggiando il pianeta.

Poi c’è la teoria secondo la quale le persone amano i sentimenti negativi. Uno studio di Eduardo Andrade e Joel Cohen, che ha analizzato perché le persone amano i film dell’orrore, ha concluso che alcuni spettatori sono felici di essere infelici. I ricercatori hanno scoperto che le persone provano emozioni sia negative che positive allo stesso tempo, il che significa che non solo godono del sollievo che provano quando la minaccia viene rimossa, ma amano anche essere spaventatiQuesta stessa teoria, sostenevano, potrebbe aiutare a spiegare perché gli umani sono attratti dagli sport estremi e da altre attività rischiose che suscitano terrore o disgusto per altri.

Come fai a sapere se sei una di queste persone che vive in uno stato perenne di infelicità? Le persone che sono dipendenti dall’infelicità tendono a:

  • Trovare le ragioni per essere infelice quando la vita diventa “troppo positiva”.
  • Interpretare il ruolo della vittima e incolpare gli altri piuttosto che assumersi la responsabilità personale delle loro scelte.
  • Competere con amici e colleghi per vedere chi ha il più problemi
  • Avere difficoltà a stabilire e raggiungere obiettivi o, al contrario, raggiungere obiettivi solo per scoprire che non possono godere del loro successo.
  • Distrarsi,sfuggire o far fronte ai guai usando droghe,  alcol,  sesso,  cibo o altri comportamenti di dipendenza o compulsivi .
  • Smettere di prendersi cura dei loro bisogni di base, come una dieta sana , un regolare esercizio fisico e un sonno adeguato
  • Sentirsi schiavi delle loro emozioni e impotenti nel cambiamento
  • Sentirsi insoddisfatti anche quando la vita sta andando bene.
  • Avere drammatiche e  insoddisfacenti relazioni .

La felicità è dunque una scelta?

Si dice spesso che “la felicità è una scelta”. Ma allora perché non ci sono più persone felici?

Nella mia esperienza, la felicità è complicata. Alcune persone trovano la felicità anche in situazioni che potrebbero sfidare la persona più ottimista ; alcuni sono infelici nonostante abbiano tutto.

Per alcuni, la felicità è fugace e dipende dalle circostanze attuali, mentre altri sembrano essere generalmente felici o generalmente infelici indipendentemente da ciò che sta accadendo nelle loro vite. Poi c’è il problema di come definire la felicità – con successo esteriore, soddisfazione interiore o qualcos’altro?

In molti casi, può essere vero che la felicità è una scelta. In una certa misura, scegliamo i nostri pensieri e le nostre reazioni, che influiscono sul modo in cui ci sentiamo, e possiamo migliorare il nostro quoziente di felicità adottando misure per cambiare il nostro pensiero (ad esempio, tenere un diario di gratitudine , stare attenti al momento presente, accettare ciò che è o sviluppare meccanismi di pensiero più sani).

Possiamo vedere le nostre emozioni come un segnale che alcuni aspetti della vita devono cambiare e agire per tornare a uno stato mentale migliore.

Ma per circa il 20% degli adulti italiani, i disturbi mentali come la depressione o l’ ansia possono significare che la felicità è sempre fuori dalla porta. Non scelgono di essere depressi o ansiosi, semplicemente non conoscono un altro modo di essere.

Mentre scegliere di essere felici, in questi casi, è più complicato che fare la scelta di pensare positivamente, c’è una scelta importante che può essere fatta: la decisione di ottenere un aiuto, come il percorso di life coaching.

Il programma è un corso appositamente progettato per aiutare gli adolescenti e gli adulti a prevenire la depressione, allenando a “ripensare” i loro sintomi e “respingere” le cognizioni negative. Il percorso di coaching  è stato utilizzato con successo per curare problemi di rabbia e ansia. Insegnare ad adolescenti e adulti a prendere coscienza della relazione tra pensieri, comportamenti ed emozioni può cambiare la vita ed è spesso citato come uno dei più utili interventi usati.

La sfortunata realtà è che la maggior parte delle persone cronicamente infelici si rifiutano di ottenere aiuto. Quasi la metà di quelli con disagio mentale non cerca mai un trattamento. Che si tratti di paura, conforto, mancanza di consapevolezza o qualcos’altro, non possiamo esserne certi. Quello che sappiamo è che l’infelicità non deve essere terminale. Con la consulenza e il trattamento, c’è speranza che la felicità diventi la nuova norma di vita per tutti.

 

Cherofobia, cos’è ?

La cherofobia è una fobia in cui una persona ha un’avversione irrazionale all’essere felice. Il termine deriva dalla parola greca “chero”, che significa “rallegrarsi”.

Quando una persona sperimenta la cherofobia, ha spesso paura di partecipare ad attività che molti considerano divertenti o semplicemente quello che la maggior parte delle persone cerca di essere: felice.  E’ un termine poco usato e non riconosciuto dalla psichiatria. Infatti, non compare nel Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, il principale manuale per la classificazione delle patologie mentali. Secondo Healthline invece, diversi esperti medici classificherebbero la cherofobia come un vero e proprio disturbo d’ansia.

Il cherofobico non per forza dimostra una tristezza evidente, evita solo situazioni che lo possono rendere felice. Rifugge inviti a feste probabilmente divertenti, evita cambiamenti di vita che potrebbero essere positivi, tutto ciò per il timore infondato che subito dopo possa giungere un periodo estremamente negativo. Spesso, chi soffre di questo disturbo, è anche convinto che una persona felice debba per forza essere un soggetto negativo, perché dimostrare di essere estremamente contento può essere brutto per se stessi e per i propri cari. Il perseguire la felicità è anche identificato come una totale perdita di tempo.

La psichiatra Carrie Barron ha spiegato questa patologia rimandando alla vita infantile del soggetto, nella quale un momento di felicità potrebbe essere stato seguito da una punizione. Magari un evento traumatico del passato.

L’individuo cherofobico è portato a provare un senso di ansia di fronte a ogni possibile cambiamento positivo. Tanto da indurlo a evitarlo, non modificando la propria situazione. Anche l’introverso potrebbe sviluppare questa patologia, perché portato a isolarsi, a non coinvolgersi in attività ricreative di gruppo, o a evitare luoghi particolarmente affollati e rumorosi. Non essendo considerato un vero disturbo psichiatrico, la cherofobia non ha terapie scientifiche che possano risolvere il problema.

Una respirazione profonda, rilassante, potrebbe aiutare la persona a controllare la propria ansia, così come costringersi a partecipare a eventi positivi, per potersi rendere conto che non vi è alcun pericolo. A volte chi soffre di questo disturbo non desidera affatto guarire, perché vede questo stato come una sorta di protezione dal mondo esterno e dalla sofferenza che esso può generare. Tuttavia, ci sono alcuni esperti di salute mentale che discutono di questa fobia e dei suoi potenziali trattamenti.

Quali sono i sintomi della cherofobia?

Alcuni esperti medici classificano la cherofobia come una forma di disturbo d’ansia. L’ansia è un senso di paura irrazionale legato alla minaccia percepita. Nel caso della cherofobia, l’ansia è legata alla partecipazione ad attività che sarebbero pensate per renderti felice.

La cherofobia non rende necessariamente una persona triste, ma piuttosto gli evita attività che potrebbero portare alla felicità o alla gioia.

Esempi di sintomi associati alla cherofobia potrebbero includere:

  • provare ansia al pensiero di andare ad un gioioso incontro sociale, come una festa, un concerto o un altro evento simile
  • rifiutare le opportunità che potrebbero portare a cambiamenti di vita positivi a causa del timore che qualcosa di brutto seguirà
  • rifiuto di partecipare ad attività che la maggior parte chiamerebbe divertimento

Alcuni dei pensieri chiave che una persona che sperimenta la cherofobia ha includono:

  • Essere felici significherà che mi succederà qualcosa di brutto.
  • La felicità ti rende una persona cattiva o peggiore.
  • Dimostrare che sei felice fa male a te o ai tuoi amici e familiari.
  • Cercare di essere felici è uno spreco di tempo e fatica.

In un articolo del Journal of Cross-Cultural Psychology, gli autori hanno creato una scala Fear of Happiness. Creato per confrontare la paura della felicità in 14 culture, la scala può anche aiutare una persona a valutare se ha sintomi di cherofobia.

Alcune dichiarazioni includono:

  • Preferisco non essere troppo gioioso, perché solitamente la gioia è seguita dalla tristezza.
  • I disastri spesso seguono la fortuna.
  • La gioia eccessiva ha alcune conseguenze negative.

Valutando queste affermazioni su una scala da 1 a 10 quanto sei d’accordo? Potrebbe essere in grado di mostrare che hai paura o un’ errata percezione della felicità.

Quali sono le cause della cherofobia?

A volte la cherofobia può derivare dalla convinzione che se succede qualcosa di molto buono ad una persona, o se la sua vita sta andando bene, un evento negativo è destinato ad accadere poco dopo, di conseguenza evitano attività legate alla felicità Questo è spesso il caso in cui qualcuno ha vissuto un evento traumatico fisico o emotivo nel suo passato.

Un introverso può essere più propenso a vivere la cherofobia. Un introverso è una persona che in genere preferisce fare attività da solo o con una o due persone alla volta. Sono spesso visti come riflessivi e riservati, possono sentirsi intimiditi o a disagio in contesti di gruppo, luoghi rumorosi e luoghi con molte persone. I perfezionisti sono un altro tipo di personalità che può essere associato alla cherofobia.

Quali sono i trattamenti per la cherofobia?

Poiché la cherofobia non è stata studiata come un disturbo separato, non ci sono farmaci approvati dalla FDA o altri trattamenti definitivi che una persona può perseguire per trattare la condizione.

Tuttavia, alcuni trattamenti suggeriti includono:

  • terapia cognitivo comportamentale (CBT), una terapia che aiuta una persona a riconoscere linee di pensiero errate e identificare comportamenti che possono aiutarli a cambiare
  • strategie di rilassamento, come la respirazione profonda, l’inserimento nel diario o l’esercizio
  • Coaching
  • l’esposizione a eventi che provocano la felicità come mezzo per aiutare una persona a identificare che la felicità non deve avere effetti negativi

Non tutti hanno una certa avversione per la felicità, hanno bisogno solo di cure. Alcune persone si sentono più felici e sicure quando evitano la felicità.

A meno che la cherofobia non interferisca con la propria qualità di vita personale o la capacità di mantenere un posto di lavoro, potrebbero non richiedere alcun trattamento. Tuttavia, se i sintomi della cherofobia sono correlati a un trauma passato, il trattamento di una condizione di base può aiutare.

Qual è la prospettiva sulla cherofobia?

La Cherofobia viene spesso quando le persone cercano di proteggersi da un passato conflitto, tragedia o trauma. Se la cherofobia influisce sulla qualità della vita, spesso può essere utile cercare un trattamento con professionista.

Anche se può richiedere del tempo per cambiare il modo in cui pensi, con un trattamento continuato, potresti essere in grado di superare le tue paure.

 

 PhD, CRNP  28 giugno 2017  Rachel Nall,

 

Cos’è la Felicità?

Forse il miglior modo per iniziare a definire la felicità è definire ciò che non è. Molte persone credono che la felicità sia  divertirsi a una festa, l’eccitazione di nuove esperienze, il brivido e la passione del sesso, o le delizie di un buon pasto. Queste sono tutte esperienze meravigliose da coltivare e vivere ma non sono felicità.

Queste esperienze sono la definizione di piacere. Sono esperienze da avere e lasciare passare. Un pasto da assaporare, quindi digerire, una festa da godersi poi lasciarsi andare, la passione di godere e il caldo bagliore di soffermarsi. Il piacere è fugace e così dev’essere, perché se facciamo queste esperienze gioiose tutto il tempo, il nostro cervello si adatta e trasforma il piacere in routine . Quando ciò accade, ci vuole ancora di più per farci sentire di nuovo bene. Inseguire il piacere non è felicità.

Quindi, se la felicità non è la stessa cosa del piacere, allora cos’è ?

Alcuni tra i più importanti ricercatori in questo campo (Seligman, Lyubomirsky e Diener ) hanno elaborato una propria formula della felicità, che può essere così espressa: F = P + C + A dove F è la felicità, P è il punto determinato neurologicamente, C rappresenta le condizioni di vita e A sono le attività volontarie (Chopra 1994).

Notevole importanza assumono le attività volontarie (variabile A della formula), cioè che cosa si sceglie di fare giorno per giorno, che sembrano pesare per il cinquanta per cento sulla felicità totale di un individuo. Le variabili volontarie possono generare un cambiamento  costante e definitivo nei livelli di felicità e benessere perché dipendono, appunto, dalla propria volontà.

Quante volte hai detto: “Voglio solo essere felice”?

Quante volte hai detto a qualcun altro: “Voglio solo che tu sia felice”?

Ti sei mai fermato a considerare esattamente cosa significa felicità? Che cosa, esattamente, è questa felicità che desideri?

E’ molto importante perché è difficile che i tuoi desideri di felicità si avverino se non sei chiaro esattamente su cosa sia la felicità per te. Quali sono le scelte che ci rendono felici allora?

Secondo gli studiosi, rendere felice il prossimo è la scorciatoia per diventare felici. Anche dedicarsi all’espressione creativa, genera risultati positivi le cui conseguenze durano una vita intera. Le passioni, come la lettura di un buon libro, lo sport, un hobby, e in generale tutte quelle attività che ci impegnano in un compito, che implicano una sfida con noi stessi e che comportano una crescita psicologica, ci permettono di raggiungere uno stato accresciuto e permanente di benessere.

La felicità, infatti, ha una dimensione emotiva che difficilmente può essere compresa attraverso un pensiero logico-razionale.

Quindi ti propongo un breve e facile esercizio che ti aiuterà a connetterti con  la tua personale visione della felicità. Esercizio di “brainstorming di parole”, sfrutta il potere associativo della mente. Munisciti di una penna e di un foglio bianco; al centro del foglio, scrivi la parola: felicità.

Poi, intorno alla parola “felicità”, scrivi di getto tutte le parole che associ istintivamente alla parola “felicità”; vai a ruota libera, senza riflettere, e senza domandarti se ciò che scrivi abbia un senso oppure no, non ti censurare. Scrivi tutte le parole che ti vengono in mente, per circa un minuto. Probabilmente ti sarai accorto che le parole che hai scritto hanno a che fare con la tua idea di felicità, con qualcosa che associ alla tua felicità, o che pensi possa renderti felice.

Per quanto tutte le persone cerchino la felicità, non esiste una sola persona al mondo che scriverebbe le stesse parole che hai scritto tu. Tutte le persone vogliono essere felici, ma ognuno ha un’idea diversa di che cosa sia la felicità e di che cosa possa renderlo felice.

Se considerassimo la felicità come i frutti di un albero, potremmo osservare che ognuno identifica la propria felicità con un albero diverso: c’è chi preferisce il gusto asprigno di un pompelmo, chi quello dolce del caco. I rami rappresentano le azioni e i comportamenti che mettiamo in atto: i frutti non maturano per caso, sono il risultato di scelte e azioni mirate. Il tronco rappresenta la forza interiore, il coraggio, l’abilità di resistere alle difficoltà della vita. Le radici sono i nostri valori e le nostre convinzioni più profonde: ciò cui diamo importanza e significato. Un primo passaggio può essere quello di capire qual è il proprio “albero della felicità”. Quali sono i frutti della felicità che ricerchiamo? Ognuno ha un modo diverso di farlo.

Io credo che la felicità esista quando la tua vita soddisfa i tuoi bisogni

In altre parole, la felicità arriva quando ti senti soddisfatto. La felicità è una sensazione di contentezza, che la vita è proprio come dovrebbe essere. La felicità perfetta, l’illuminazione, arriva quando hai soddisfatto tutti i tuoi bisogni. Mentre la felicità  perfetta può essere difficile da raggiungere, e anche più difficile da mantenere, la felicità non è un caso o un avvenimento.

Ci sono quasi illimitati gradi di felicità tra la beatitudine  e la disperazione della depressione. La maggior parte di noi cade da qualche parte, più vicino al centro rispetto ai bordi.

Poiché ho detto che, secondo me, la felicità è quando la tua vita soddisfa i tuoi bisogni, la prossima domanda logica è: “Quali sono i miei bisogni?”

Nel corso dei millenni molti hanno offerto risposte a questa domanda e quasi tutti sono tornati con risposte troppo semplici a quello che è, al suo interno, un problema complesso. Permettimi di farti una domanda. Diresti che tu, come tutti gli esseri umani, sei complicato da capire? Certo che si, lo siamo tutti. Se lo non fossimo la vita potrebbe essere molto più semplice ma anche molto meno ricca. Questa complessità significa che non ci sono risposte semplici, a misura unica, a ciò che ci rende felici.

Le nostre esigenze individuali variano in base alla nostra genetica, al modo in cui siamo cresciuti e alle nostre esperienze di vita. Questa combinazione complessa è ciò che rende ognuno di noi unico, sia nei nostri esatti bisogni, sia in ogni altro aspetto di ciò che ci rende la persona che siamo. Ognuno di noi può essere complesso, ma siamo tutti umani e questo fornisce le basi su cui possiamo scoprire i nostri bisogni essenziali.  Condividiamo tutti bisogni primari comuni all’interno, dove differiamo è esattamente in quanto fortemente desideriamo ciascuno di questi bisogni. La nostra teoria attuale, basata in gran parte su nuove scoperte scientifiche su come funziona il cervello e sulle attuali teorie della felicità, ha identificato 9 bisogni umani universali e sovrapposti:

  • Benessere : connessioni mente-corpo, aspetti del tuo corpo fisico che influenzano il tuo umore e viceversa
  • Ambiente : fattori esterni come sicurezza, disponibilità di cibo, libertà, clima, bellezza e casa
  • Piacere: esperienze temporanee come gioia, sesso, amore e alimentazione
  • Relazioni: come specie sociale, le relazioni sono alla base di ciò che significa essere umani
  • Scoperta: come ti avvicini al mondo, attraverso avventure, curiosità e piani
  • Significato: avere uno scopo e la saggezza per capirlo
  • Coinvolgimento: per essere felici devi essere coinvolto e coinvolto attivamente
  • Successo: conferma da te stesso e dagli altri che ciò che fai ha un valore
  • Elasticità: come ti riprendi dagli inevitabili eventi negativi della vita

Queste 9 categorie coprono la gamma dei bisogni umani in un modo molto generale e si sovrappongono intenzionalmente, proprio come i nostri pensieri e sentimenti si sovrappongono nella nostra mente. Ad esempio, il brivido di una corsa sulle montagne russe è un mix di: paura (elasticità), gioia (piacere), avventura (prospettiva), esperienza condivisa (relazioni), sicurezza (ambiente), adrenalina (benessere), il coraggio guidare (coinvolgimento) e la ricompensa di averlo fatto (successo).

Tutti questi sono vissuti in un evento, molti nello stesso momento nel tempo. È importante ricostruire la propria esperienza interna di felicità, perché la nostra felicità dipende anche dai criteri che utilizziamo, cioè dal nostro modo di sentirla. E i criteri sono modificabili, e normalmente si modificano più volte nel corso della vita.

La felicità è lo stato d’animo positivo di chi ritiene soddisfatti tutti i propri desideri. L’etimologia fa derivare felicità da: felicitas, deriv. felix-icis, “felice”, la cui radice “fe-” significa abbondanza, ricchezza, prosperità.Wikipedia

Join our Newsletter

We'll send you newsletters with news, tips & tricks. No spams here.

Contact Us

We'll send you newsletters with news, tips & tricks. No spams here.