Articoli taggati :

cherofobia

Genitorialità positiva: 5 regole per aiutarti ad affrontare il comportamento negativo dei figli in modo più positivo

I tuoi figli ti fanno impazzire? Se ti è mai stato chiesto di descriverli, dopo aver detto :”È un bravo ragazzo, ma …”,  aggiungeresti le parole come “provocatorio”, “lamentoso”, “immotivato”, “irrispettoso”, “arrabbiato” o “esigente”? Aggiungendo solo  alcuni lati positivi qua e là?

Se i negativi nella tua mente sono più grandi dei positivi, la prima cosa da capire è che è naturale. Dopo tutto, noi genitori siamo umani, il che significa che tendiamo a cercare ciò che è sbagliato nella nostra progenie, così che possiamo concentrarci su ciò che dovremmo “sistemare” in essi. In qualche modo questo ci tranquillizza; crediamo di migliorare le loro possibilità di sopravvivenza a lungo termine in un mondo spesso difficile.

Fermare la ricerca di ciò che temiamo è un’abilità genitoriale e di apprendimento importantissima da imparare.

Il problema è, tuttavia, che se passiamo la maggior parte del nostro tempo a preoccuparci, a sistemare e cercare di dare forma ai nostri figli in ciò che pensiamo dovrebbero essere, ci mancano i lati positivi di chi sono realmente.

La buona notizia è che è effettivamente più efficace guardare l’immagine bilanciata se si vuole influenzare positivamente figlio/a  e mantenere la comunicazione aperta tra di voi. Ti aiuterò a “cambiare le lenti negli occhiali” in modo da poter vedere i comportamenti negativi di tuo figlio in una luce più positiva – o almeno più accurata!

Ecco cinque regole per iniziare:

Regola 1: smetti di cercare ciò che temi

Quando la tensione aumenta, i genitori possono avere la tendenza a cercare prove di ciò che temono. Avevo un amico che era così spaventato che suo figlio fosse un perdente che lo teneva sveglia di notte. Lui stesso aveva lottato socialmente per tutta la vita.

Per affrontare la paura per suo figlio, girava nel cortile della scuola durante la ricreazione, per cercare prove per confermare la sua convinzione negativa su di lui,  ossia non aveva amici. Certo, quando cerchi prove per confermare le tue credenze spaventose, troverai situazioni e le etichetterai come tali.

Un giorno, mi raccontò, mentre lui guidava, lo vide in piedi da solo su un’estremità dell’asfalto mentre tutti gli altri bambini giocavano dall’altra parte della strada. Scese dalla macchina e corse verso di lui freneticamente e gli disse: “Ale, perché sei qui tutto solo e non ti unisci agli altri bambini? e lui rispose: “Papà, puoi toglierti di mezzo?

Questo illustra esattamente ciò che l’ansia può fare a noi genitori, può portarci a cercare prove di ciò che temiamo, e quindi iniziamo a trattarli come se il problema fosse reale, così facendo creiamo una nostra profezia in realtà.

Se questo diventa un modo abituale di affrontarli, invece di aiutarli a imparare a comportarsi in modo più appropriato con gli altri, potremmo inavvertitamente aiutarli a crearsi altri disagi. In altre parole, ciò che stavi cercando di prevenire si verificherà. Perdiamo di vista il logico e il reale, quando ciò accade, anche i tratti positivi possono diventare negativi.

Fermare la ricerca di ciò che temiamo è un’abilità genitoriale e di apprendimento importante da imparare.

 

Regola n. 2: cambia le lenti

Possiamo anche trasformare i lati positivi in ​​negativi quando non siamo in grado di vedere le cose buone seppellite nei comportamenti noiosi e fastidiosi che ci fanno impazzire. Quanto spesso ci preoccupiamo quando i nostri ragazzi sono ribelli con noi? Non ci piace quando si scontrano con noi in disaccordo con ciò che vogliamo che facciano. Quando dicono di no o si rifiutano di fare ciò che chiediamo, ci fanno arrabbiare.

È naturale arrabbiarsi con i nostri figli e etichettare il loro comportamento e atteggiamento come qualcosa di negativo, qualcosa che dobbiamo sistemare in loro. Mentre dobbiamo affrontare il comportamento risultante (rifiuto di conformarsi), la vera caratteristica del bambino non è necessariamente una cosa negativa.

Cambiando l’obiettivo nei nostri occhiali, invece di provare a cambiare i nostri figli, possiamo arrivare ad apprezzare la loro tendenza all’opposizione, anche se può essere estenuante e difficile da gestire.

Provate a guardarla in questo modo: vogliamo che i nostri figli crescano e siano adulti responsabili e indipendenti. La sfida e l’opposizione che vedi possono anche tradursi in un bambino che non ha paura di dire “no” alla pressione dei coetanei, o che ha forti capacità di leadership. Il nostro compito di genitori è di dirigere questa energia in modo appropriato ponendo dei limiti, conoscendo i nostri figli e cercando di mantenere le linee di comunicazione aperte con loro.

Vedere il positivo nei comportamenti dei nostri bambini è una sfida quando il comportamento rende la nostra vita più difficile o diversa da come vorremmo che le cose accadessero. È più facile visualizzare le cose in modo più positivo quando consenti e accetti che tuo figlio sia unico e diverso da te. Non devi permettere ogni cosa a tuo/a  figlio/a bambino, ma è utile cercare di fare un passo indietro e vedere la sua affermazione da una mentalità più positiva.

Un esercizio utile: se la tua tendenza è quella di vedere il bicchiere mezzo vuoto, pensa a  cosa ti servirebbe per vedere il bicchiere mezzo pieno?

Ecco il mio consiglio: ogni volta che ti trovi concentrato sui tratti negativi del tuo bambino, scrivi tre positivi su quel tratto o comportamento. Allenati a vedere le cose da una prospettiva diversa. Se tuo figlio è troppo sensibile, nota il positivo: la sua natura empatica. Se lei è polemica, nota il positivo: ha affermazione di sé.

La chiave è di notare gli aspetti positivi all’interno dei negativi del comportamento di tuo figlio, e quindi aiutarla/o a canalizzarlo correttamente. Potresti aiutarlo/a a passare dall’aggressività all’affermazione ponendo dei limiti attorno al suo comportamento, dando conseguenze per un comportamento inadeguato (e non le sue emozioni) e poi avendo conversazioni sulla risoluzione dei problemi su come gestire le cose in modo appropriato la prossima volta, per esempio. Ma in fondo, l’assertività di tuo figlio è uno strumento molto utile nel mondo reale, purché possa utilizzarla in modo sano. Il tuo compito è guidarla/o, aiutarla/o e insegnargli come farlo.

 

Regola n. 3: visualizza te stesso al posto di tuo figlio

Guarda tutti i comportamenti che ti fanno arrabbiare e chiediti cosa hai bisogno di capire a riguardo. Per fare questo, dovrai dare un’occhiata al cervello in via di sviluppo di tuo/a figlio/a e metterti nei suoi panni per un momento. Con questa nuova comprensione, sarai in grado di vedere il comportamento con meno ansia.

Diciamo che tuo figlio della scuola media vuole comprare le scarpe costose da ginnastica che tutti a scuola indossano, e si mette a urlare quando gli dici di no. Così urli anche tu: “Solo perché tutti le hanno, non significa che devi averle!” E poi pensi tra te e te: “Cosa è successo ai valori che gli abbiamo insegnato? Cosa gli succede? Come mai è diventato così egoista, esigente e maleducato?”

Ora fermati un attimo e visualizza davvero te stesso che entra nei suoi panni. Che cosa puoi ora vedere e capire che non  potevi vedere quando eri nelle tue scarpe? Forse puoi capire con più chiarezza che il problema riguarda meno le sneakers e molto altro sulla sua necessità di adattarsi al gruppo (e non essere diverso). Mentre cresce lui è in un posto dove sente l’urgenza di guardare e comportarsi come i suoi coetanei.

Hai mai provato a non preoccuparti di ciò che gli altri pensavano di te? Come hai fatto? Ora prova ad essere un adolescente o pre-adolescente e fallo. Quasi impossibile, giusto? Non fraintendetemi, capire il comportamento non significa che dovresti arrenderti e andare a comprargli le scarpe costose da ginnastica; significa semplicemente che puoi entrare in empatia con tuo/a figlio/a, e capire le sue esplosioni di rabbia conformandoti e comprendendolo/a  piuttosto che comportarti in modo preoccupato o arrabbiato.

Non prendetela sul personale. Questa nuova regola ti aiuterà sia ad entrare in empatia facendoti calmare prima di discutere di un suo comportamento che pensi sia inappropriato, sia a capire che alcuni comportamenti negativi di tuo/a figlio/a sono normali e in via di sviluppo. Questo può anche aiutarti a depersonalizzare ciò che stanno facendo e vedere il quadro generale un po ‘più chiaramente. In conclusione: il comportamento potrebbe non piacerti, ma almeno sarai in grado di vederlo per quello che è e non prenderlo sul personale.

 

Regola n. 4: chiediti: “È un comportamento negativo o una reazione a qualcos’altro?”

 

A volte trascuriamo l’effettiva causa del comportamento dei figli e lo etichettiamo come negativo. Ma una volta compreso il suo scopo, tutto ci sembra meno catastrofico. Per esempio: diciamo che i genitori di un bambino sono arrabbiati tra di loro per un po’ di tempo.

Il ragazzo percepisce la loro tensione e agisce. Se diventa la spugna emotiva della famiglia, apprende che quando si comporta in modo aggressivo, i suoi genitori si calmano tra di loro concentrandosi solo sul suo comportamento. Perché succede? Loro si concentrano sul comportamento negativo piuttosto che sui propri problemi l’uno con l’altro e si sentono più tranquilli a non dover affrontare le proprie difficoltà. Il bambino cresce e sa che un modo per mantenere i suoi genitori più armoniosi è avere dei problemi da risolvere. Questo accade per lo più inconsapevolmente.

Fai un passo indietro e prova a vedere se il comportamento è un’espressione di “fusione familiare“. Il comportamento del ragazzo dell’esempio esprime ciò che gli altri membri della famiglia non diranno l’un l’altro?

Oppure il suo comportamento aiuta gli altri a non concentrarsi su se stessi, ad abbattere le proprie lotte e comportamenti negativi? Questo si chiama “fusione”. I bambini “ci guardano per vivere”, e intuiranno ciò di cui la famiglia ha bisogno per mantenere un’equilibrio stabile e funzionante.

Ciò significa che agiranno e diventeranno la barra di alleggerimento, se necessario. Una volta che vedi la funzione di determinati comportamenti, puoi vedere il comportamento in una luce diversa.

 

Regola n. 5: Diverso va bene

È naturale sentirsi più positivi sugli altri quando sono “come” noi. Le differenze potrebbero renderci scomodi, ma tieni presente che diverso non è sinonimo di negativo. Se il tuo/a  figlio/a agisce, si comporta o pensa in modo diverso da te, invece di vederlo negativamente, riconosci la differenza e vai avanti.

È così facile vedere gli altri, in particolare i nostri bambini, da un luogo di preoccupazione, e la nostra immaginazione può davvero scatenarsi quando siamo stressati. Cerca di vedere i tuoi figli per quello che sono piuttosto che per chi temi possano diventare. Quando riuscirai a vederli in una luce positiva, ragionevole e realistica, li aiuterai a brillare, fiorire e prosperare.

 

Tip: la separazione o il divorzio diminuiscono la tua Performance personale?

Durante e dopo la fase di separazione o divorzio è innegabile la sensazione di fallimento che si prova a causa del mancato raggiungimento degli obiettivi che ci eravamo posti in partenza.

L’umore scende, la voglia di fare anche, il desiderio di essere invincibili e potersi risollevare pure,  e ti sembra che le performance che avevi un tempo siano solo un ricordo e che non potranno tornare più perchè tu sei diverso/a, sei cambiato/a, e di conseguenza devi subire alla situazione che stai vivendo.

Queste sono tutte emozioni e stati che si vivono regolarmente quando si affrontano questi momenti, non sei l’unica/o.

Voglio però rassicurarti sul fatto che esiste la possibilità in cui tu ti sentirai  meglio di prima, meglio di quando eri ragazzo, meglio di quando ti sentivi già forte, questo accadrà se riuscirai a sfruttare il momento che sta accadendo come potenziante per la tua vita e non limitante.

La formula della Performance, chiamata spesso anche equazione della potenzialità, sottolinea il modo in cui possiamo migliorare la nostra performance: analizziamola più in dettaglio.

Come disse Tim Gallwey, pioniere del Coaching e autore del best-seller internazionale – Il gioco interiore del tennis:

“ Nel tennis come nella vita esistono due livelli di “gioco”: quello esteriore espresso sul campo nella sfida con l’altro giocatore, e quello interiore che si svolge fra mente e corpo, pensieri ed emozioni, nel quale gli avversari sono i dubbi, l’insicurezza, l’ansia, il calo di concentrazione”.

In ogni sforzo umano ci sono due ambiti di coinvolgimento: quello esteriore e quello interiore.

  • L’ambito esteriore è ciò che vediamo succedere al di fuori di noi stessi: ad esempio, per un addetto alle vendite possono essere i risultati che ottiene (o che non ottiene, a seconda dei casi).
  • L’ambito interiore è quello degli atteggiamenti e dei valori dentro di noi che favoriscono, oppure ostacolano, quei risultati. Si tratta quindi di superare i nostri ostacoli interiori, come ad esempio dubitare di noi stessi, analizzare eccessivamente le situazioni, o avere paure, preconcetti e convinzioni limitanti.

Rivediamo l’equazione:

  • P =  p – i     (Performance = potenziale – interferenze)

In base a questa formula studiata scientificamente su campioni di livello internazionale, ma valida in qualsiasi ambito di vita,  per aumentare la performance:

  1. bisogna accrescere e sviluppare il fattore p, le proprie potenzialità 
  2.  ridurre o eliminare il fattore i, le interferenze.

 

Una rosa è una rosa, dal momento in cui è un bocciolo, a quello in cui appassisce e muore. Da quel primo momento fino alla fine contiene il suo intero potenziale.

Per un tennista, come per chiunque altro, il primo passo nella giusta direzione è vedere e sentire ciò che sta facendo, cioè aumentare la consapevolezza di ciò che realmente è.

Vincere significa superare gli ostacoli per raggiungere uno scopo, ma il valore del vincere è grande solo nella misura del valore dello scopo raggiunto. 

In altre parole, lo scopo del successo non è necessariamente il raggiungimento di un obiettivo, quanto la conoscenza di noi stessi che acquistiamo per raggiungere la nostra performance migliore.

 

La famosa “pausa di riflessione”, può aiutare a riunire la coppia?

Ci sono tre ragioni principali per cui le coppie si separano, la prima è per anticipare il divorzio, la seconda è per ottenere una nuova prospettiva sul matrimonio , e quella secondo me è la più importante e che vi deve far riflettere, la terza  per migliorare il matrimonio .

Sono un grande sostenitrice del valore terapeutico di una separazione per rafforzare il matrimonio, una relazione che barcolla, una relazione che deve maturare,  se è fatta nel modo giusto per le giuste ragioni e se ci sono accordi chiari fin dall’inizio, la separazione per un breve periodo può aiutare.

Questa separazione può essere fatta in qualsiasi momento e, in effetti, viene fatta sempre da più coppie anche se ancora viene percepita dalla maggior parte della gente, come una cosa “sbagliata”. Nella nostra cultura, la separazione, è vissuta come  la rottura definitiva della coppia. Si provano inizialmente e si cercano tante soluzioni, interventi e tattiche per riportare il matrimonio in carreggiata ma quando non c’è più nulla da fare, o almeno si crede non ci sia, ci si separa ma in definitiva si divorzia.

Piuttosto che un fine, tuttavia, la separazione può essere uno strumento utile per  stare insieme ; sembra un controsenso, lo so. quando un matrimonio è nei guai e le relazioni sono fragili, la maggior parte delle persone, io per prima, crede sia meglio cercare di stare vicini al partner quando avvertono che si sta allontanando cercando di fare il possibile per far funzionare il matrimonio.

Il pensiero di creare distanza in un momento del genere infatti, infonde molta paura di perdere il controllo del coniuge e della propria relazione. Questo si verifica maggiormente se il legame tra voi due è stato indebolito da una fiducia tradita. Ma utilizzato con cura e abilità (e di solito con qualche tipo di supporto professionale), la separazione temporanea può essere molto efficace per riavvicinare due persone.

Voglio darti allora qualche linea guida per una separazione temporanea efficace per riunire la coppia successivamente.

  1. Cerca un supporto di un professionista esterno a voi.  Alcune coppie possono farlo anche da sole, consiglio però vivamente di cercare qualche tipo di supporto per facilitare questo processo. Può essere complicato farlo da soli, specialmente se questo viene fatto mentre ci sono attualmente tensioni o problemi tra i coniugi. Questo può essere un life coach, un consulente di coppia, un terapeuta.
  2. Imposta aspettative chiare e ragionevoli.  Le regole di base sono indispensabili per mantenere un senso di fiducia tra le parti. Se una persona si aspetta di comunicare ogni giorno, ma l’altra no, ciò potrebbe causare sensazioni offensive. Sapere cosa aspettarsi evita questo tipo di situazione.
  3. Scopri il tuo obiettivo e chiedi quello del tuo partner.  Non dare per scontato che entrambi abbiate lo stesso obiettivo, avete davvero bisogno di essere d’accordo sul fatto che la vostra intenzione di vivere separati temporaneamente sia quella di migliorare il vostro rapporto/matrimonio. Ancora una volta, se uno dei coniugi pensa che la separazione sia un passo verso il processo di divorzio, ma l’altro pensa che sia un temporaneo “time-out”, ciò può causare una profonda spaccatura nella fiducia tra i due. Avere lo stesso obiettivo in questo esercizio è particolarmente importante per renderlo un esercizio di successo.
  4. Mantenere una comunicazione regolare.  Non avere alcun contatto per un lungo periodo di tempo può effettivamente iniziare a  danneggiare la connessione coniugale. Invece che una soluzione di “Assenza temporanea che fa sentire la mancanza”, se non vi sentirete per un tempo troppo prolungato potrebbe finire per diventare “Lontano dagli occhi, lontano dalla mente e dal cuore”.

La durata media di una separazione temporanea di rinnovamento è di circa sei mesi.

Per chi NON è adatta una separazione temporanea?

Ci sono alcune persone per le quali questo strumento non funzionerà. È fondamentale che ogni coniuge sia onesto con se stesso e onesto l’uno con l’altro sul motivo per cui sta facendo questo esercizio: se tu o il tuo coniuge state cercando di semplificare il processo di separazione per sentirvi meno in colpa e più leggeri, questo NON è lo strumento da utilizzare. Se non  intendi  stare con il tuo partner, la   cosa peggiore che puoi fare è  fingere  di essere interessato a lavorare con lui per tornare insieme.

Se sei confuso sull’opportunità o meno di rimanere nel matrimonio o nella relazione, è importante dirlo in anticipo. È molto più difficile per il coniuge che desidera restare insieme, sopportare la menzogna che appena la separazione terminerà torneranno insieme impegnati nella loro relazione, per poi invece scoprire in seguito che l’altro voleva andarsene da sempre.

Coloro che hanno avuto ripetute violazioni di fiducia o coloro che hanno difficoltà a credere, non dovrebbero provare una separazione temporanea di questo tipo. Questo esercizio richiede molta maturità e può sollevare più ansia di quanto valga per coloro che sono disonesti o insicuri.

Ovviamente una separazione  – pausa di riflessione – può essere adattata in modo specifico alle tue esigenze e alla tua situazione e può essere implementata o annullata in qualsiasi momento. L’importante è il dialogo col partner e l’onestà.

Come “sopravvivere” alle festività dopo la separazione

Ammettiamolo, alcune vacanze saranno terribili. Ma ci sono alcuni trucchi che renderanno il Natale sopportabile, indipendentemente dalla tua situazione.

Se celebrare la nascita del bambino Gesù è il tuo senso della festa, allora il primo Natale dopo che la tua famiglia si separa rischia di essere maledettamente orribile. Che tu sia un amante gentile di orpelli o un antagonista del Natale, il primo che passerai da solo è divertente quanto una sbornia da tequila. Se sei fortunato, lo supererai senza far cadere la testa nel bagno. E come una sbornia, non c’è davvero modo di sfuggire al dolore.

Nel corso degli anni ho visto molte persone cercare di evitare il dolore di un Natale appena spezzato, e quando finalmente è arrivato il mio turno, ho fatto i miei sciocchi tentativi di scappare dai fantasmi dei tempi passati.

Ho provato il Natale in fuga, tornando verso la mia famiglia d’origine solo per scoprire che, naturalmente, mancava ancora qualcuno, e quindi ero ancora triste. Ho provato il Natale “che non c’è”, e ho trascorso una misera giornata lavorando duramente, immaginando che il Natale non ci fosse in tutto il mondo, per poi finire sul divano con una tazza di tè caldo, in lacrime mentre guardavo Il Piccolo Lord.

Mi ci è voluto un po ‘per arrivare a trovare la consapevolezza che mi ha permesso di “Riamare” il natale come giusto che sia e farmi vivere con una gioia immensa le festività anche da separata, con il nuovo programma di vacanze.

Quindi, nella speranza di salvarti anni di miseria festiva, ho compilato una piccola lista di idee per aiutarti a navigare il periodo senza sofferenze inutili. Perché se riesci ad affrontare le vacanze a testa alta, hai la possibilità di creare qualcosa di adorabile dal relitto della tua vita precedente.

  1. Pensa a cosa è andato

Questa è la parte più difficile. Se puoi occuparti di risolvere questo delicato inghippo, hai la chiave per fare pace con questo periodo. Cerca di affrontare le cose che non succederanno mai più.

Alcune persone si siedono a festeggiare dopo che i conti bancari sono stati divisi, ma forse non è il vostro caso, quindi fai un favore a te stesso e cerca di non litigare con gli dei della separazione e accetta che la tua famiglia, come la conoscevi, e molte delle cose che hai condiviso, non saranno mai più così.

Come in una partita di carte, se cerchi di giocare quella mano che pensi che avresti dovuto avere piuttosto che le carte che hai in mano, ti garantirai solo anni di miserabili momenti natalizi.

Questa è vita. Le cose brutte accadono, le cose si rompono, si rovinano e poi raccogli le piccole cose ininterrotte e lasci andare il resto. Quindi ricostruisci, se non puoi accettare ciò che è andato, non puoi costruire una nuova vita. È semplice.

  1. Salva solo cose che ami di più

In ogni festa ci sono le cose che suonano davvero i tuoi rintocchi e le cose invece che delle quali puoi vivere senza. Ci sono un sacco di sciocchezze per le vacanze che non mi mancano per nulla,  ma alcune che sono assolutamente essenziali. I tortelli di zucca con gli amaretti che la mia nonna era solita fare, una storia natalizia su un gufo e alcune talpe che vogliono un telescopio da Babbo Natale per vedere le stelle, e le tombolate coi parenti dopo aver finito il pranzo sono assolutamente inseparabili dal Natale per me.

Qualunque pensi sia la forma che prenderà quel giorno per te quest’anno, assicurati di rimanere aggrappato alle parti cruciali e importanti del giorno, che ti fanno sentire come se la celebrazione fosse effettivamente tua.

  1. Non avere paura di costruire qualcosa di nuovo

Il Natale potrebbe essere attualmente a pezzi, lo so, ma cerca di vederlo come un agente immobiliare vede una casa in rovina cioè come un’opportunità di rinnovamento. Sia che tu passerai la giornata con il gatto, con i tuoi figli e senza soldi, in un rifugio o sul divano della tua zia, non perderti, esiste sempre qualche  opportunità  per costruire qualcosa di nuovo e che sia significativo per te.

Vorrei non aver trascorso un miserabile giorno di Natale sul divano piangendo e guadando il Piccolo Lord. Avrei voluto essere abbastanza coraggiosa da fare un viaggio, guardare via Skype mia sorella o fare un salto a casa di amici veri. Quando hai troppa paura di costruire una cosa nuova, tutto ciò che ti rimane è il casino che la vecchia cosa ha lasciato.

  1. Avere nuove consapevolezze ti aiuta

Quando alla fine ho smesso di scappare dal dolore del Natale da separata, le cose hanno cominciato a girare decisamente meglio. I miei nuovi “ compagni”, i miei figli ed io ci siamo seduti insieme a guardare il Piccolo Lord, e quella volta mi è piaciuto tantissimo e non ho pianto, abbiamo mangiato i tortelli della nonna ed erano squisiti e ala fine abbiamo giocato a tombola per ore ridendo, scherzando e apprezzando il bello dello stare tutti insieme.  Ad un certo punto della giornata, ognuno di noi ha detto un pensiero su cosa e chi gli mancava, e ci siamo confortati l’un l’altro con serenità. Nessuno fingeva che la nostra famiglia fosse perfetta ed è stata una bella giornata.

Trascorrere il tuo Natale cercando di non essere triste, desiderando che tutto sia normale come prima è come trattenere il respiro e sperare di rimanere in vita. Semplicemente non funzionerà. Non puoi sfuggire al dolore della rottura o del “lavoro” di ricostruzione della tua vita, devi solo sopportarlo ed accettarlo. Questa è la verità che ti aiuterà a stare meglio.

Non puoi passarci sopra; devi metterti in moto e riprogettare la tua vita e sappi che quello che otterrai è un’altra meravigliosa opportunità per godere di cose molto più appaganti di quello che avevi prima. Non lasciarti andare.

                                                                                        Buon Natale 

 

Sei dipendente dall ‘infelicità ?

C’è una certa familiarità con l’essere insoddisfatti?

Una costante di base del comportamento umano è che le persone perseguono il piacere e cercano di evitare il dolore. Allora perché alcune persone sembrano contente di crogiolarsi nella loro infelicità, vantandosi persino di una specie di distintivo d’onore?Anche quando gli vengono dati consigli per migliorare la propria vita, preferiscono continuare a lamentarsi. C’è una certa familiarità con l’essere insoddisfatti che diventa un ostacolo al cambiamento? Dopo aver avuto un assaggio di gioia, perché alcune persone tornano immediatamente a ciò che non funziona?

Ci sono una serie di possibili spiegazioni per questa ” dipendenza ” dall’infelicità:

  • L’insicurezza radicata o la mancanza di autostima possono far sì che alcune persone non sentano di meritare la felicità .
  • Le persone che sono cresciute con uno stile genitoriale caratterizzato da eccessiva disciplina e aspettative non realistiche possono aver imparato a equiparare l’infelicità con l’amore e il successo.
  • Le lotte della vita con il trauma o altre esperienze negative possono alimentare un desiderio inconscio di ritornare continuamente allo status quo dell’infelicità.
  • Alcune persone si vantano di essere realisti, credendo che essere pratici significhi anche focalizzarsi solo sul negativo.
  • A causa di decisioni o esperienze nel loro passato, alcune persone sono consumate dalla colpa o dal rimpianto che non riescono a  superarlo. Così scelgono di punire se stessi e gli altri.
  • Alcune persone hanno paura di provare gioia perché i sentimenti positivi potrebbero essere un “anticipo” per la delusione.(cherofobici)
  • La prospettiva della felicità colpisce la paura dell’ignoto per coloro che non hanno mai provato altro che infelicità.
  • L’insoddisfazione diventa una motivazione per lavorare di più, cambiare lavoro, mangiare più sano, passare più tempo con amici e parenti o prevenire comportamenti o situazioni indesiderate.
  • Alcune persone lo rendono una missione personale per affrontare i problemi del mondo come propri. Per quanto nobili sotto certi aspetti, questi individui non possono permettersi di provare felicità quando, per esempio, le persone stanno morendo di fame o il riscaldamento globale sta danneggiando il pianeta.

Poi c’è la teoria secondo la quale le persone amano i sentimenti negativi. Uno studio di Eduardo Andrade e Joel Cohen, che ha analizzato perché le persone amano i film dell’orrore, ha concluso che alcuni spettatori sono felici di essere infelici. I ricercatori hanno scoperto che le persone provano emozioni sia negative che positive allo stesso tempo, il che significa che non solo godono del sollievo che provano quando la minaccia viene rimossa, ma amano anche essere spaventatiQuesta stessa teoria, sostenevano, potrebbe aiutare a spiegare perché gli umani sono attratti dagli sport estremi e da altre attività rischiose che suscitano terrore o disgusto per altri.

Come fai a sapere se sei una di queste persone che vive in uno stato perenne di infelicità? Le persone che sono dipendenti dall’infelicità tendono a:

  • Trovare le ragioni per essere infelice quando la vita diventa “troppo positiva”.
  • Interpretare il ruolo della vittima e incolpare gli altri piuttosto che assumersi la responsabilità personale delle loro scelte.
  • Competere con amici e colleghi per vedere chi ha il più problemi
  • Avere difficoltà a stabilire e raggiungere obiettivi o, al contrario, raggiungere obiettivi solo per scoprire che non possono godere del loro successo.
  • Distrarsi,sfuggire o far fronte ai guai usando droghe,  alcol,  sesso,  cibo o altri comportamenti di dipendenza o compulsivi .
  • Smettere di prendersi cura dei loro bisogni di base, come una dieta sana , un regolare esercizio fisico e un sonno adeguato
  • Sentirsi schiavi delle loro emozioni e impotenti nel cambiamento
  • Sentirsi insoddisfatti anche quando la vita sta andando bene.
  • Avere drammatiche e  insoddisfacenti relazioni .

La felicità è dunque una scelta?

Si dice spesso che “la felicità è una scelta”. Ma allora perché non ci sono più persone felici?

Nella mia esperienza, la felicità è complicata. Alcune persone trovano la felicità anche in situazioni che potrebbero sfidare la persona più ottimista ; alcuni sono infelici nonostante abbiano tutto.

Per alcuni, la felicità è fugace e dipende dalle circostanze attuali, mentre altri sembrano essere generalmente felici o generalmente infelici indipendentemente da ciò che sta accadendo nelle loro vite. Poi c’è il problema di come definire la felicità – con successo esteriore, soddisfazione interiore o qualcos’altro?

In molti casi, può essere vero che la felicità è una scelta. In una certa misura, scegliamo i nostri pensieri e le nostre reazioni, che influiscono sul modo in cui ci sentiamo, e possiamo migliorare il nostro quoziente di felicità adottando misure per cambiare il nostro pensiero (ad esempio, tenere un diario di gratitudine , stare attenti al momento presente, accettare ciò che è o sviluppare meccanismi di pensiero più sani).

Possiamo vedere le nostre emozioni come un segnale che alcuni aspetti della vita devono cambiare e agire per tornare a uno stato mentale migliore.

Ma per circa il 20% degli adulti italiani, i disturbi mentali come la depressione o l’ ansia possono significare che la felicità è sempre fuori dalla porta. Non scelgono di essere depressi o ansiosi, semplicemente non conoscono un altro modo di essere.

Mentre scegliere di essere felici, in questi casi, è più complicato che fare la scelta di pensare positivamente, c’è una scelta importante che può essere fatta: la decisione di ottenere un aiuto, come il percorso di life coaching.

Il programma è un corso appositamente progettato per aiutare gli adolescenti e gli adulti a prevenire la depressione, allenando a “ripensare” i loro sintomi e “respingere” le cognizioni negative. Il percorso di coaching  è stato utilizzato con successo per curare problemi di rabbia e ansia. Insegnare ad adolescenti e adulti a prendere coscienza della relazione tra pensieri, comportamenti ed emozioni può cambiare la vita ed è spesso citato come uno dei più utili interventi usati.

La sfortunata realtà è che la maggior parte delle persone cronicamente infelici si rifiutano di ottenere aiuto. Quasi la metà di quelli con disagio mentale non cerca mai un trattamento. Che si tratti di paura, conforto, mancanza di consapevolezza o qualcos’altro, non possiamo esserne certi. Quello che sappiamo è che l’infelicità non deve essere terminale. Con la consulenza e il trattamento, c’è speranza che la felicità diventi la nuova norma di vita per tutti.

 

COME VIVONO LA SEPARAZIONE GLI UOMINI A DIFFERENZA DELLE DONNE 

Un’interessante ricerca condotta su un campione di 50 persone tra i 35- 55 anni ,   dopo un periodo di circa 3 mesi dalla loro separazione col partner o dopo il divorzio, ha evidenziato che le emozioni provate da sia uomini che donne  in quel periodo, erano pressoché le stesse. I sentimenti di perdita che si verificano comunemente sia nei mariti che nelle mogli, includono:

  • DepressioneQuesto può spesso causare una mancanza di ambizione o sensi di colpa. Entrambe le parti potrebbero perdere interesse nelle attività che un tempo amavano fare.
  • Rabbia.  Possono sorgere risentimenti irrisolti, quando si cerca di “mantenere la pace”, molti conflitti rimangono invisibili. Una volta che il divorzio o la separazione sono stati messi in moto, molti sentono il bisogno di rivendicare segreti, magari taciuti per anni per il “quieto vivere” matrimoniale.
  • Confusione . Anche se un coniuge non è stato coinvolto in una relazione extraconiugale, la consapevolezza che da quel momento lo possa fare, può portare a forti emozioni. Se la coppia rimane nella stessa città, potrebbero ritrovarsi a vedere questo tipo di rapporto e queste situazioni possono insidiare la tranquillità per lungo tempo.
  • AnsiaCon il divorzio arriva il cambiamento e molte persone temono l’ignoto. Nella maggior parte delle coppie uno dei due coniugi esce di casa.  Gli interessi comuni possono essere evitati per paura, le routine che una volta venivano eseguite così comunemente su base giornaliera potrebbero essere completamente diverse da quelle che erano una volta.

Una forma di identità viene persa durante il divorzio. Si perde l’identità di coppia davanti alle persone, esempio ai genitori dei compagni di scuola dei figli, ai colleghi di ufficio che magari frequentavi in coppia, nel paese dove vivi, nei locali che frequentavate.

Finanziariamente, sessualmente e socialmente, tutti gli aspetti dell’individualità cambiano sia per gli uomini che per le donne.Una nota rivista americana che si occupa del “sesso forte” afferma che il divorzio può provocare un impegno emotivo maggiore per gli uomini rispetto alle donne.

Gli uomini sono inclini a depressioni più profonde e hanno più probabilità di abusare di sostanze dopo il divorzio. Sono anche a maggior rischio di problemi di salute fisica come infarti e ictus, iniziano a metabolizzare più tardi un divorzio rispetto alle donne, circa dopo 18 mesi dopo, allungando così il processo di interiorizzazione del lutto. Poiché dall’ intervista è emerso che le donne sono quelle che, quasi al 70%,  hanno deciso  di separarsi o divorziare per cause variabili, si deduce che gli uomini subiscano la decisione durante le fasi iniziali della separazione.

Quando si tratta di divorzio, è più probabile che gli uomini utilizzino l’azione piuttosto che le parole, per esprimere i loro sentimenti. Le azioni comuni intraprese dai nuovi divorziati includono: buttarsi a capofitto nel lavoro, incontri sessuali occasionali, evitano il loro appartamento preferendo una  nuova casa.

Le donne invece, hanno più difficoltà finanziarie dopo il divorzio, poiché spesso hanno la custodia dei figli e sono responsabili quindi delle spese familiari. Le donne hanno meno problemi di salute fisica poiché affrontano lo stress psicologico e spesso la povertà, in modo più positivo.
Sebbene le statistiche possano variare in base alla gravità degli uomini rispetto alle donne, la maggior parte dei sintomi è spesso la stessa. Guarire da un divorzio è come guarire da qualsiasi altro tipo di perdita. Deve essere riconosciuto, sentito e rielaborato per tutto il tempo necessario.

 

Cherofobia, cos’è ?

La cherofobia è una fobia in cui una persona ha un’avversione irrazionale all’essere felice. Il termine deriva dalla parola greca “chero”, che significa “rallegrarsi”.

Quando una persona sperimenta la cherofobia, ha spesso paura di partecipare ad attività che molti considerano divertenti o semplicemente quello che la maggior parte delle persone cerca di essere: felice.  E’ un termine poco usato e non riconosciuto dalla psichiatria. Infatti, non compare nel Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, il principale manuale per la classificazione delle patologie mentali. Secondo Healthline invece, diversi esperti medici classificherebbero la cherofobia come un vero e proprio disturbo d’ansia.

Il cherofobico non per forza dimostra una tristezza evidente, evita solo situazioni che lo possono rendere felice. Rifugge inviti a feste probabilmente divertenti, evita cambiamenti di vita che potrebbero essere positivi, tutto ciò per il timore infondato che subito dopo possa giungere un periodo estremamente negativo. Spesso, chi soffre di questo disturbo, è anche convinto che una persona felice debba per forza essere un soggetto negativo, perché dimostrare di essere estremamente contento può essere brutto per se stessi e per i propri cari. Il perseguire la felicità è anche identificato come una totale perdita di tempo.

La psichiatra Carrie Barron ha spiegato questa patologia rimandando alla vita infantile del soggetto, nella quale un momento di felicità potrebbe essere stato seguito da una punizione. Magari un evento traumatico del passato.

L’individuo cherofobico è portato a provare un senso di ansia di fronte a ogni possibile cambiamento positivo. Tanto da indurlo a evitarlo, non modificando la propria situazione. Anche l’introverso potrebbe sviluppare questa patologia, perché portato a isolarsi, a non coinvolgersi in attività ricreative di gruppo, o a evitare luoghi particolarmente affollati e rumorosi. Non essendo considerato un vero disturbo psichiatrico, la cherofobia non ha terapie scientifiche che possano risolvere il problema.

Una respirazione profonda, rilassante, potrebbe aiutare la persona a controllare la propria ansia, così come costringersi a partecipare a eventi positivi, per potersi rendere conto che non vi è alcun pericolo. A volte chi soffre di questo disturbo non desidera affatto guarire, perché vede questo stato come una sorta di protezione dal mondo esterno e dalla sofferenza che esso può generare. Tuttavia, ci sono alcuni esperti di salute mentale che discutono di questa fobia e dei suoi potenziali trattamenti.

Quali sono i sintomi della cherofobia?

Alcuni esperti medici classificano la cherofobia come una forma di disturbo d’ansia. L’ansia è un senso di paura irrazionale legato alla minaccia percepita. Nel caso della cherofobia, l’ansia è legata alla partecipazione ad attività che sarebbero pensate per renderti felice.

La cherofobia non rende necessariamente una persona triste, ma piuttosto gli evita attività che potrebbero portare alla felicità o alla gioia.

Esempi di sintomi associati alla cherofobia potrebbero includere:

  • provare ansia al pensiero di andare ad un gioioso incontro sociale, come una festa, un concerto o un altro evento simile
  • rifiutare le opportunità che potrebbero portare a cambiamenti di vita positivi a causa del timore che qualcosa di brutto seguirà
  • rifiuto di partecipare ad attività che la maggior parte chiamerebbe divertimento

Alcuni dei pensieri chiave che una persona che sperimenta la cherofobia ha includono:

  • Essere felici significherà che mi succederà qualcosa di brutto.
  • La felicità ti rende una persona cattiva o peggiore.
  • Dimostrare che sei felice fa male a te o ai tuoi amici e familiari.
  • Cercare di essere felici è uno spreco di tempo e fatica.

In un articolo del Journal of Cross-Cultural Psychology, gli autori hanno creato una scala Fear of Happiness. Creato per confrontare la paura della felicità in 14 culture, la scala può anche aiutare una persona a valutare se ha sintomi di cherofobia.

Alcune dichiarazioni includono:

  • Preferisco non essere troppo gioioso, perché solitamente la gioia è seguita dalla tristezza.
  • I disastri spesso seguono la fortuna.
  • La gioia eccessiva ha alcune conseguenze negative.

Valutando queste affermazioni su una scala da 1 a 10 quanto sei d’accordo? Potrebbe essere in grado di mostrare che hai paura o un’ errata percezione della felicità.

Quali sono le cause della cherofobia?

A volte la cherofobia può derivare dalla convinzione che se succede qualcosa di molto buono ad una persona, o se la sua vita sta andando bene, un evento negativo è destinato ad accadere poco dopo, di conseguenza evitano attività legate alla felicità Questo è spesso il caso in cui qualcuno ha vissuto un evento traumatico fisico o emotivo nel suo passato.

Un introverso può essere più propenso a vivere la cherofobia. Un introverso è una persona che in genere preferisce fare attività da solo o con una o due persone alla volta. Sono spesso visti come riflessivi e riservati, possono sentirsi intimiditi o a disagio in contesti di gruppo, luoghi rumorosi e luoghi con molte persone. I perfezionisti sono un altro tipo di personalità che può essere associato alla cherofobia.

Quali sono i trattamenti per la cherofobia?

Poiché la cherofobia non è stata studiata come un disturbo separato, non ci sono farmaci approvati dalla FDA o altri trattamenti definitivi che una persona può perseguire per trattare la condizione.

Tuttavia, alcuni trattamenti suggeriti includono:

  • terapia cognitivo comportamentale (CBT), una terapia che aiuta una persona a riconoscere linee di pensiero errate e identificare comportamenti che possono aiutarli a cambiare
  • strategie di rilassamento, come la respirazione profonda, l’inserimento nel diario o l’esercizio
  • Coaching
  • l’esposizione a eventi che provocano la felicità come mezzo per aiutare una persona a identificare che la felicità non deve avere effetti negativi

Non tutti hanno una certa avversione per la felicità, hanno bisogno solo di cure. Alcune persone si sentono più felici e sicure quando evitano la felicità.

A meno che la cherofobia non interferisca con la propria qualità di vita personale o la capacità di mantenere un posto di lavoro, potrebbero non richiedere alcun trattamento. Tuttavia, se i sintomi della cherofobia sono correlati a un trauma passato, il trattamento di una condizione di base può aiutare.

Qual è la prospettiva sulla cherofobia?

La Cherofobia viene spesso quando le persone cercano di proteggersi da un passato conflitto, tragedia o trauma. Se la cherofobia influisce sulla qualità della vita, spesso può essere utile cercare un trattamento con professionista.

Anche se può richiedere del tempo per cambiare il modo in cui pensi, con un trattamento continuato, potresti essere in grado di superare le tue paure.

 

 PhD, CRNP  28 giugno 2017  Rachel Nall,

 

Join our Newsletter

We'll send you newsletters with news, tips & tricks. No spams here.

Contact Us

We'll send you newsletters with news, tips & tricks. No spams here.