Articoli taggati :

natale

COS’E’ LA “LIBERTA’ PERSONALE”?

L’etimologia della parola libertà viene dal latino libertas, a sua volta derivata da “liber” = uomo legalmente libero cioè il contrario del servus, lo schiavo. Infatti, nell’antichità, si poteva nascere sia “liber”, sia “servus” (e così si poteva rimanere per tutta la vita);  in qualche caso, invece, la libertà si poteva perdere o acquisire (il “liberto”, appunto, era colui che era passato dallo stato di servus a quello di liber).

 

La libertà della persona nell’andare e nel venire, l’uguaglianza davanti ai tribunali, la sicurezza della proprietà privata, la libertà di opinione e la sua espressione, e la libertà di coscienza soggetta ai diritti degli altri e del pubblico.

Libertà è quindi la condizione di chi può decidere a suo piacere della propria persona, di chi può godere della propria autodeterminazione.

La libertà personale così come definita qui, ha due parti distinte ma complementari.

Primo, consideriamo la classica libertà degli individui dall’oppressione statale: la legge protegge i diritti delle persone alla vita, alla libertà, alla proprietà e alla ricerca della felicità, e la legge è rispettata?

Secondo, analizziamo gli atteggiamenti della società: la differenza è accettata e le persone sono libere di vivere la propria vita senza ostilità o indebita pressione sociale?

 

La libertà personale ha raggiunto il suo punto più forte nella storia dell’indice di prosperità, contribuendo in modo significativo alla crescita della prosperità globale complessiva. Ma nonostante questo quadro globale positivo, diverse regioni hanno registrato una riduzione delle prestazioni, tra cui il Nord America e parti dell’Europa occidentale e orientale.

L’idea che ci siamo fatti su cosa sia la libertà personale è che sia qualcosa che non si può solo sognare e dissipare: “La differenza tra sognare la libertà personale e avere una mentalità rivolta alla  libertà personale si riduce all’atteggiamento e all’azione di ognuno di noi“.

Persone che abbiamo intervistato con un alto livello di carica business hanno riportato tre elementi ricorrenti fondamentali nelle loro vite, per riuscire ad avere la libertà intesa a livello globale:

  1. Avere il controllo della propria “time line”.
  2. Avere il controllo della propria direzione.
  3. Avere il controllo delle proprie entrate.

La  “time line” è la linea del tempo di ognuno di noi , ossia il passato, ciò che hai fatto e come lo hai affrontato ( hai l’esempio quindi di cosa andava e cosa non andava per modificare le nuove azioni da intraprendere), il tuo presente e il tuo futuro. Se hai il controllo del presente e ben chiaro il tuo futuro riuscirai a delineare gli spazi necessari per essere libero ORA.

Il controllo della direzione è anch’essa la libertà di poter decidere cosa è meglio fare adesso, per arrivare al tuo focus, che strade prendere e dove direzionare l’ attenzione e su chi, questo in base alle tue priorità. In ultimo, ma non di importanza, è avere il controllo sulle tue entrate, la libertà è anche  finanziaria, il non aver il pensiero di arrivare a fine mese.

La libertà personale quindi, in questo contesto, non significa essere liberi di stare in giro tutto il giorno e giocare ai videogiochi. Piacerebbe a tutti tornare indietro nel tempo all’epoca dei nostri giochi preferiti, o avere il tempo di oziare per l’intera giornata, ma non abbiamo quel tipo di tempo.

Quello che  è in nostro potere ora in merito alla libertà, è il poter di determinare ciò che è importante per noi e per le nostre attività, e di concentrare il nostro tempo e i nostri  sforzi in quel senso.

Quindi cosa significa per te libertà? Devi decidere cosa è più importante per te.

Essere in grado di trascorrere del tempo con la tua famiglia?

Essere in grado di determinare da solo su quali progetti e iniziative lavorerai?

O forse di  metterti in una nuova posizione finanziaria  in cui il tuo reddito non è più determinato da un capo e da uno stipendio fisso mensile ma dalla dipendenza di un’attività in proprio?

Uno degli aspetti più importanti della libertà personale è avere …..

Compila il form per avere l’articolo completo e tanti altri articoli utili per vivere la vita che desideri 

Com’è il Natale da separato con figli?

Le vacanze sono un momento di festa. Dal preparare regali, decorare l’albero, al coro dei canti natalizi e partecipare alle varie feste che si succedono a ruota, aziendali, sportive, ludiche, ci sono molte occasioni per riunirsi con familiari, amici e persone care e godersi l’atmosfera. Se  tuttavia, stai attraversando una separazione o un divorzio, le vacanze possono invece essere tutt’altro che rilassanti, soprattutto se hai figli. Improvvisamente, le vecchie tradizioni familiari non sono adatte e trovarne di nuove può essere difficile.Ecco perché ho trovato il seguente elenco di tre cose da tenere a mente durante questo periodo, che ho maturato sulla mia vita, nel corso di tanti anni da mamma separata. Spero che questi suggerimenti ti aiutino ad avere una vacanza meravigliosa.

  • Decidere i regali

Per molte persone, i regali sono un modo per mostrare amore e apprezzamento per un’altra persona. Durante il divorzio o la separazione, non fare l’errore che fanno in tanti di usare i doni per tuo figlio facendo a gara con il tuo ex. O esagerare nella quantità per alleviare il tuo “senso di colpa “ .

È importante evitare di usare regali in questo modo perché è diseducativo per il figlio e assolutamente poco appagante per te, se non nel singolo istante in cui glieli dai.

Se possibile, coordinati con il tuo ex-partner in modo, anche, da non finire per dare ai vostri figli gli stessi regali, o ancor meglio sarebbe, unire  le forze e fare i regali insieme. Solo perché non siete più una coppia non significa che i vostri nomi non possano essere sulla stesso bigliettino di auguri. Non credi?

In effetti, presentarvi uniti potrebbe essere solo il più grande dono per il piccolo, anche se solo per quel momento.

  • Pianifica in anticipo tutto e mantieni le tue promesse

Le vacanze sono frenetiche, con più eventi e uscite sociali extra. Se questa è la tua prima vacanza da separata, è importante pianificare in anticipo e capire chi ha bisogno di essere dove e quando. Dovresti anche decidere in anticipo dove i bambini trascorreranno ogni parte della vacanza, se scegli di festeggiare separatamente. Ad esempio, la vigilia di Natale con un genitore e il giorno di Natale con un altro può essere un buon compromesso, ma solo se ne parli in anticipo. È anche importante attenersi al piano, una volta deciso. Le modifiche dell’ultimo minuto causeranno ulteriore stress e risentimento e soprattutto destabilizzano i ragazzi.

  • Dona amore a chi ne ha bisogno

Le vacanze sono anche un momento per riflettere sulle cose per le quali siamo grati e trascorrere del tempo con chi amiamo da sempre le renderà uniche. Entrambe queste cose possono essere difficili da fare se la tua famiglia sta affrontando un momento di cambiamento. Invece di concentrarti su te stesso e sulla tua situazione, guarda verso l’esterno e guarda cosa puoi fare per gli altri bisognosi. Se sarai solo per una parte della vacanza, scopri quali sono le opportunità di volontariato disponibili. Restituire aiuto e amore può essere una grande distrazione e un modo per onorare il vero significato del periodo.

Se non riesci ad affrontare queste festività in modo sereno e proprio non trovi la pace necessaria, prova a scrivermi, credo che un confronto, un suggerimento possano essere la chiave che ti occorre per viverle meglio.

 

 

 

 

Come “sopravvivere” alle festività dopo la separazione

Ammettiamolo, alcune vacanze saranno terribili. Ma ci sono alcuni trucchi che renderanno il Natale sopportabile, indipendentemente dalla tua situazione.

Se celebrare la nascita del bambino Gesù è il tuo senso della festa, allora il primo Natale dopo che la tua famiglia si separa rischia di essere maledettamente orribile. Che tu sia un amante gentile di orpelli o un antagonista del Natale, il primo che passerai da solo è divertente quanto una sbornia da tequila. Se sei fortunato, lo supererai senza far cadere la testa nel bagno. E come una sbornia, non c’è davvero modo di sfuggire al dolore.

Nel corso degli anni ho visto molte persone cercare di evitare il dolore di un Natale appena spezzato, e quando finalmente è arrivato il mio turno, ho fatto i miei sciocchi tentativi di scappare dai fantasmi dei tempi passati.

Ho provato il Natale in fuga, tornando verso la mia famiglia d’origine solo per scoprire che, naturalmente, mancava ancora qualcuno, e quindi ero ancora triste. Ho provato il Natale “che non c’è”, e ho trascorso una misera giornata lavorando duramente, immaginando che il Natale non ci fosse in tutto il mondo, per poi finire sul divano con una tazza di tè caldo, in lacrime mentre guardavo Il Piccolo Lord.

Mi ci è voluto un po ‘per arrivare a trovare la consapevolezza che mi ha permesso di “Riamare” il natale come giusto che sia e farmi vivere con una gioia immensa le festività anche da separata, con il nuovo programma di vacanze.

Quindi, nella speranza di salvarti anni di miseria festiva, ho compilato una piccola lista di idee per aiutarti a navigare il periodo senza sofferenze inutili. Perché se riesci ad affrontare le vacanze a testa alta, hai la possibilità di creare qualcosa di adorabile dal relitto della tua vita precedente.

  1. Pensa a cosa è andato

Questa è la parte più difficile. Se puoi occuparti di risolvere questo delicato inghippo, hai la chiave per fare pace con questo periodo. Cerca di affrontare le cose che non succederanno mai più.

Alcune persone si siedono a festeggiare dopo che i conti bancari sono stati divisi, ma forse non è il vostro caso, quindi fai un favore a te stesso e cerca di non litigare con gli dei della separazione e accetta che la tua famiglia, come la conoscevi, e molte delle cose che hai condiviso, non saranno mai più così.

Come in una partita di carte, se cerchi di giocare quella mano che pensi che avresti dovuto avere piuttosto che le carte che hai in mano, ti garantirai solo anni di miserabili momenti natalizi.

Questa è vita. Le cose brutte accadono, le cose si rompono, si rovinano e poi raccogli le piccole cose ininterrotte e lasci andare il resto. Quindi ricostruisci, se non puoi accettare ciò che è andato, non puoi costruire una nuova vita. È semplice.

  1. Salva solo cose che ami di più

In ogni festa ci sono le cose che suonano davvero i tuoi rintocchi e le cose invece che delle quali puoi vivere senza. Ci sono un sacco di sciocchezze per le vacanze che non mi mancano per nulla,  ma alcune che sono assolutamente essenziali. I tortelli di zucca con gli amaretti che la mia nonna era solita fare, una storia natalizia su un gufo e alcune talpe che vogliono un telescopio da Babbo Natale per vedere le stelle, e le tombolate coi parenti dopo aver finito il pranzo sono assolutamente inseparabili dal Natale per me.

Qualunque pensi sia la forma che prenderà quel giorno per te quest’anno, assicurati di rimanere aggrappato alle parti cruciali e importanti del giorno, che ti fanno sentire come se la celebrazione fosse effettivamente tua.

  1. Non avere paura di costruire qualcosa di nuovo

Il Natale potrebbe essere attualmente a pezzi, lo so, ma cerca di vederlo come un agente immobiliare vede una casa in rovina cioè come un’opportunità di rinnovamento. Sia che tu passerai la giornata con il gatto, con i tuoi figli e senza soldi, in un rifugio o sul divano della tua zia, non perderti, esiste sempre qualche  opportunità  per costruire qualcosa di nuovo e che sia significativo per te.

Vorrei non aver trascorso un miserabile giorno di Natale sul divano piangendo e guadando il Piccolo Lord. Avrei voluto essere abbastanza coraggiosa da fare un viaggio, guardare via Skype mia sorella o fare un salto a casa di amici veri. Quando hai troppa paura di costruire una cosa nuova, tutto ciò che ti rimane è il casino che la vecchia cosa ha lasciato.

  1. Avere nuove consapevolezze ti aiuta

Quando alla fine ho smesso di scappare dal dolore del Natale da separata, le cose hanno cominciato a girare decisamente meglio. I miei nuovi “ compagni”, i miei figli ed io ci siamo seduti insieme a guardare il Piccolo Lord, e quella volta mi è piaciuto tantissimo e non ho pianto, abbiamo mangiato i tortelli della nonna ed erano squisiti e ala fine abbiamo giocato a tombola per ore ridendo, scherzando e apprezzando il bello dello stare tutti insieme.  Ad un certo punto della giornata, ognuno di noi ha detto un pensiero su cosa e chi gli mancava, e ci siamo confortati l’un l’altro con serenità. Nessuno fingeva che la nostra famiglia fosse perfetta ed è stata una bella giornata.

Trascorrere il tuo Natale cercando di non essere triste, desiderando che tutto sia normale come prima è come trattenere il respiro e sperare di rimanere in vita. Semplicemente non funzionerà. Non puoi sfuggire al dolore della rottura o del “lavoro” di ricostruzione della tua vita, devi solo sopportarlo ed accettarlo. Questa è la verità che ti aiuterà a stare meglio.

Non puoi passarci sopra; devi metterti in moto e riprogettare la tua vita e sappi che quello che otterrai è un’altra meravigliosa opportunità per godere di cose molto più appaganti di quello che avevi prima. Non lasciarti andare.

                                                                                        Buon Natale 

 

Join our Newsletter

We'll send you newsletters with news, tips & tricks. No spams here.

Contact Us

We'll send you newsletters with news, tips & tricks. No spams here.