Articoli taggati :

gratitudine

Sei una persona autodistruttiva? Segnali di allarme.

In teoria, cerchiamo tutti la felicità e agiamo seguendo le sue orme. In pratica, molti esseri umani non seguono questo schema. Al contrario, senza sapere perché, fanno cose che danneggiano se stessi. Stiamo parlando di una persona autodistruttiva.
 
Una persona autodistruttiva non agisce in modo volontario. Quello che di solito accade è che si sente male, ma non riesce a identificare esattamente il motivo. Quindi, sviluppa comportamenti che fanno male a se stessa.
Abbiamo tutti questo lato da qualche parte dentro di noi.
Tuttavia, alcuni lo trasformano nella loro personalità principale. Quello che succede a una persona autodistruttiva è che spesso si incolpa per cose reali o anche immaginarie.
 
Vediamo i sette tratti più importanti di una persona autodistruttiva.
Nella storia degli uomini ogni atto di distruzione incontra, prima o poi, una risposta con un atto di creazione. -Eduardo Galeano-
 

1. Reagire con tristezza o irritazione quando si ottiene qualcosa di importante

 
Anche se sembra strano, una persona autodistruttiva sente un vuoto insondabile quando conquista un obiettivo importante. Avendo lottato intensamente per l’obiettivo, alla fine non è in grado di provare soddisfazione quando finalmente lo raggiunge.
 
Ciò che prova quando si confronta con questi trionfi è una certa tristezza e talvolta rabbia. Quasi sempre cerca di sminuire i suoi risultati. Dichiara che è assurdo sentirsi felici per una cosa così sciocca. Questo è un chiaro segno che è autodistruttivo.
 

2. Provocare gli altri e poi sentirsi in colpa

 
Una persona autodistruttiva di solito è piuttosto combattiva. Non sa il motivo. ed è anche generatrice di polemiche. Se altri dicono “sì”, dice “no”. Se altri dicono “bianco”, dice “nero”.
Nelle discussioni con gli altri, non è insolito per lei diventare verbalmente aggressiva o usare un linguaggio sconsiderato. Passata la tempesta, si sente terribilmente in colpa per aver scatenato la disputa e si sente anche in colpa per quello che ha detto e per come lo ha detto. Diciamo che adotta una contraddizione comportamentale.
 

3. Non riconoscere di sentirsi bene, anche quando è vero

 
Per qualcuno autodistruttivo niente è mai abbastanza. La loro principale difficoltà è provare soddisfazione, in particolare per qualcosa che hanno fatto per se stessi. Si concentrano sulla macchia scura sul foglio bianco.
Se capita che si sentano bene o vedi realmente che stanno bene, si sentono infastiditi. Diranno che hai torto. Potrebbero persino sentirsi allarmati. Cercheranno dentro di sé ragioni per smettere di sentirsi bene e per confermare la loro posizione soggettiva di disagio.
 

4. Non mantenere le promesse fondamentali per il raggiungimento dei propri obiettivi

Una persona autodistruttiva si boicotta da sola. Insiste sul fatto che lo fa in modo inconscio. Così dimentica le riunioni chiave o rimane addormentata o sbaglia l’orario di un appuntamento importante.
È come se per lei fosse imperativo eludere qualsiasi forma di benessere a cui potrebbe avere accesso. Quando perde grandi opportunità, a causa di questa apparente dimenticanza o distrazione, trova una nuova ragione per continuare a rimproverarsi.
 

5. Una propensione a sacrificarsi per gli altri

 
Non solo è positivo, ma può essere molto costruttivo fare le cose per gli altri. Nel caso di una persona autodistruttiva questo tipo di atto altruistico assume un altro significato.
 
Sembra che trascurino regolarmente se stessi per migliorare la vita degli altri.
Con relativa facilità rinunciano al proprio benessere per consegnarlo a un altro. Sono capaci di non lasciare un soldo per se stessi per aiutare qualcun altro, o per adulare qualcuno con un gesto costoso. In fondo, si sentono in colpa per qualcosa, generalmente immaginario, e questa eccessiva generosità è una forma di castigo e redenzione.
 

6. Non difendersi di fronte agli abusi, tratto di una persona autodistruttiva

Una persona autodistruttiva non sa come difendersi. In realtà, non sente di avere il diritto di proteggere i propri interessi. Ha un’opinione così bassa di se stessa che sente che non vale la pena sprecare risorse per evitare il dolore.
 
In un modo o nell’altro, questo tipo di persona sente che gli altri hanno il diritto di abusarne. Molti di questi comportamenti autodistruttivi iniziano proprio con qualche tipo di abuso in tenera età. Quindi, presumono che sia “normale”.
 

7. Boicottare relazioni funzionanti

 
Per una persona autodistruttiva è difficile stabilire legami efficaci con gli altri. In fondo sono convinti di non essere degni di amore o attenzione. A volte, anche nelle amicizie. Si sentono in questo modo perché non apprezzano se stessi.
 
Se stabiliscono un buon rapporto con qualcuno, si sentiranno strani. Dentro c’è una voce impercettibile che dice “qualcosa sta andando storto”. E così si rivolgono ad avventure, ossessioni e persino abusatori, danneggiando le loro buone relazioni.
 
Una persona autodistruttiva soffre molto e fa soffrire gli altri. A volte il problema è così intrattabile che fondamentalmente vivono in solitudine. Il loro potenziale di crescita è sempre limitato.
 
Se ti riconosci in qualcuno dei casi sopraelencati o conosci qualcuno che si sente così, sarebbe meglio rivolgersi subito ad un professionista di supporto.
Il coaching può esserti di aiuto nel momento in cui questo disagio non diventa una patologia.
 

Chiamami per una consulenza, ne parleremo e capiremo se è il percorso adatto per te.

AMA IL TUO IO.

Indossiamo tutti una maschera? Cosa stiamo cercando di nascondere?

” Tutti indossiamo una maschera e arriva il momento in cui non possiamo rimuoverla senza rimuovere la nostra pelle. ” (Anonimo)

Tutti noi indossiamo delle maschere e queste cambiano in base alla situazione o alla persona con cui stiamo interagendo. Ci comportiamo in modo diverso con i nostri amici, parenti o con estranei.

Le ragioni per le quali indossaiamo le maschere variano in base alle circostanze, ma ci sono ancora alcuni motivi comuni per cui tendiamo a nasconderci dietro di esse:

  • nascondere le nostre debolezze: molti di noi indossano maschere per nascondere le proprie debolezze.  Indossiamo maschere per nascondere il nostro dolore, perché non vogliamo che il mondo sappia quanto siamo vulnerabili all’interno.
  • esporre selettivamente i nostri punti di forza: situazioni diverse richiedono abilità e punti di forza diversi. A volte, dobbiamo ritrarre i nostri punti di forza in una luce diversa in base alla situazione. Potrebbero esserci casi in cui dobbiamo esporre alcuni lati, nascondendone altri.

Indossare una maschera non è necessariamente negativo. Le persone possono usare le maschere per tirare fuori il lato migliore di se stessi in base alla situazione.

Il problema, tuttavia, sorge quando le persone diventano così abituate a indossare maschere che iniziano a dimenticare il loro vero sé. Quando iniziano a perdere la loro identità originale e la maschera diventa la loro nuova identità.

Sì, tutti indossiamo una maschera e sotto quella facciata risiede il nostro vero sé, che a volte noi stessi non riusciamo a riconoscere. 

Cerchiamo tutti di nascondere quella “parte di noi” che non ci piace o che non vogliamo che il mondo veda perché temiamo il rifiuto.

“Da bambina ero impavida ma con un QI basso. Col tempo ho capito che la gente ha approfittato indebitamente della mia debolezza. L’unica via d’uscita era rappresentarmi come una donna “emotivamente forte”. Ho avuto successo nel nascondere il mio vero sé. Sono orgogliosa di dire che, mentre ho indossato la maschera, in tutti questi anni, ho contemporaneamente lavorato su me stessa per liberarmene e mantenere l’immagine che avevo creato di me stessa. E sì, sono migliorata notevolmente e non ho più bisogno di fingere di essere chi non sono.”(Anna)

Non è male indossare una maschera. Soprattutto nel mondo degli affari, delle imprese è estremamente essenziale. Ma nelle relazioni personali dovremmo stare attenti. Immagina, per un momento, un mondo in cui a nessuno importa quale auto guidi, quale borsa indossi o in quale lavoro fai.

Riesci a percepire la libertà? Ma questa non è la realtà, perché ci preoccupiamo delle maschere abituali che abbiamo sviluppato per soddisfare e impressionare gli altri. Forse, anche tu cambi le tue maschere così abitualmente che non ti accorgi nemmeno di farlo. Forse l’hai fatto per tutta la vita.

Quale maschera indossi?

Come ti senti riguardo al volto che stai raffigurando per il mondo? Sei veramente te stesso ?

Pensi di poter essere te , indipendentemente dalla situazione sociale in cui ti trovi?

Nella tua mente, raccogli tutte le persone che conosci e mettile in una stanza: amici, familiari, colleghi di lavoro e conoscenti. Tutti sono sicuramente mescolati con le loro maschere perfettamente posizionate. Ma poi, immagina che una forte raffica di vento entri nella stanza soffiando via tutte le maschere. È caos, i volti sono esposti, forse per la prima volta, con le loro rughe e tutto il resto.

Ora immagina che invece di usare questa vulnerabilità l’uno contro l’altro  si dessero delle pacche sulle spalle, incoraggiando la loro unicità e sostenendosi a vicenda. Sarebbe bello? Come ti sentiresti?

Perché abbiamo tanta paura di essere autentici?

Anche quando le nostre maschere irritano la nostra pelle, e non possiamo rilassarci ed essere noi stessi, resistiamo ancora attaccati ad esse.

Questa performance epica è un’enorme perdita per le nostre menti, i nostri corpi e le nostre anime. È un atto difficile fingere costantemente di essere, o sentire di aver bisogno di essere, qualcun altro. Allo stesso modo, è molto rincuorante comportarsi regolarmente come se ti sentissi in un modo solo, quando ne senti un altro.

Diventare autentici è un processo per iniziare a conoscere noi stessi. Comprendere i tratti della nostra personalità, i comportamenti, i valori, le convinzioni, i bisogni, gli obiettivi e le motivazioni. Occorre arrivare ad avere il coraggio di riconoscere i propri limiti e abbracciare la nostra stessa vulnerabilità.

Fai una lista di parole che descrivono la persona che vuoi essere. Guarda in profondità e concentrati su chi sei, non su quello che fai. Sei appassionato, nerd, curioso, affettuoso?

Lo saprai quando avrai scoperto l’autenticità dei tuoi pensieri, delle tue convinzioni e le tue azioni arriveranno in profondità dall’interno e saranno resistenti alle pressioni esterne. Il risultato di questa autenticità è un autentico, silenzioso, vitalizzante appagamento e fiducia che resiste all’ ansia, all’ insicurezza e allo stress.

 

Indossare una maschera ci protegge dalla vulnerabilità.

Di seguito sono elencate cinque maschere comuni che indossiamo e teniamo nascoste nel nostro cassetto. È ora di tirarle fuori e ri-conoscerle.

 La Persona “Positiva”

Scorrendo su Facebook,  Instagram mi viene voglia di alzarmi e battere le mani selvaggiamente. Che spettacolo vedere tutte quelle persone realizzate, felici, sempre in ordine, mai tristi. Wow.  È quasi surreale…. Quasi .

Stiamo tutti esibendo tutto. Ogni minuto della nostra vita, facciamo finta che tutto è perfetto.

Esistono vari tipi di maschere. La spirituale, la superficiale, la fiduciosa, l’eccessivamente amichevole e tutte queste maschere sono solitamente avvolte in falsi sorrisi.

Alcuni sono una tale frode. La loro vita è lungi dall’essere perfetta, lontana dalle immagini rosee che postano. Essendo consci di questo, la loro autostima inizia a tremare, perché cominciano a sentire che la loro vita dev’ essere perfetta, dopo che hanno visto che quella di tutti gli altri lo è, o almeno sembra.

La maggior parte di noi è colpevole di questa facciata e sta facendo sì che molti amici e persone care si sentano senza speranza, vergognose e tristi anche se sono sicura che non è la reazione che sperano di far avere.

La vita di nessuno è stata perfetta, nonostante quello che vogliono tutti farci credere.

  • Mostrare che sei imperfetto è una sfida.

Perché non possiamo ammettere che siamo perfettamente imperfetti? Le nostre imperfezioni ci rendono umani, unici e riconoscibili.

La vita è vita, non sarà mai perfetta. Esporre il tuo vero sé, imperfetto ti apre in un mondo di relazioni più profonde, significative e di supporto.

Sono sbalordita da quante persone fingono di essere forti anche quando stanno cadendo a pezzi all’interno. Dall’esterno, sembrano tenere tutto insieme . Proprio come fai tu, Proprio come faccio io.

Ci destreggiamo tra  tutti i  nostri diversi ruoli, cercando di essere tutto per tutte le persone. Hai mai pensato che forse nemmeno loro sanno come affrontare le cose? Che forse, proprio come te, non sono sempre forti? Non tutti possono avere muscoli di Arnold Schwarzenegger.

  • Non sei solo, lo sai. Neanche tu devi essere solo.

Abbiamo tutti momenti in cui i nostri problemi li sentiamo grandi e la nostra fede sembra così piccola.

Anche noi arriviamo al quel punto di indossare la maschera, quando non riusciamo a fare un altro passo. Non c’è vergogna in questo, e non devi fingere di essere forte.

  • Lascia che quelli che ti amano ti aiutino. Lascia che loro siano Arnold per un breve momento. Dì loro ciò di cui hai bisogno. Chiedere aiuto è Considerato un atto di coraggio, non di debolezza. 

E la tua parte? Apri te stesso per amarti e sostenerti. Dì agli altri le tue paure, speranze e ferite. Le persone si preoccupano per te, le persone vogliono aiutarti.

Non è necessario essere più forti. Non hai bisogno di fingere che tutto vada bene.

Getta via quella maschera e lascia entrare gli altri.

La Persona “Intellettuale”

“Siamo ciò che fingiamo di essere, quindi dobbiamo stare attenti a ciò che fingiamo di essere.” – Kurt Vonnegut

È piuttosto allettante sfidare le tue cose. Il problema è che è antipatico alle persone con cui ti relazioni.

Tutti vogliamo sentirci speciali. Forse insegnanti o genitori ti hanno lodato per essere stato un bambino “intelligente” a scuola, questo elogio è stato grandioso, e quindi vuoi continuare a riceverlo.

Improvvisamente essere “speciali” e “intelligenti” è molto importante. Questa necessità di convalida, continua fino all’età adulta, per alcuni.

Ciò porta a ciò che è noto come “la sindrome dell’impostore”, non una sindrome diagnosticata, ma un’etichetta per descrivere l’insicurezza che molte persone, specialmente chi deve dare dimostrazioni agli altri, sperimenta. È la sensazione di roderti nel sapere che dentro di te non sei perfetto o superiore – perché nessuno è – e questa sensazione ti rende nervoso, come se fossi sempre sul punto di essere “scoperto”.

Sentirsi speciali, influenti, preziosi o migliori di altri, può essere un sentimento incoraggiante e motivante, che non vuole dire che ti senti  Albert Einstein, dopotutto lui ha sviluppato la teoria della relatività, ma che puoi evitare il fallimento e puoi evitare delusioni. Ci sarà sempre un “più intelligente” Albert Einstein in agguato nell’ombra, pronto ad espandere la sua scoperta della fisica quantistica.

Quando buttiamo via quella maschera e non mettiamo più l’accento sull’essere “speciali”, possiamo assaporare la libertà, possiamo essere semplicemente chiunque siamo realmente . Smettiamo di prosciugare le nostre energie mantenendo questo personaggio. Accresciamo la saggezza per capire che errori e fallimenti fanno parte dell’esperienza umana. Quando smetti di cercare te stesso e tutti quelli che ti circondano per le qualità “speciali” e “superiori” e inizi ad apprezzare l’umanità di base, sorgono naturalmente delle qualità speciali.

La superiorità è solo un’illusione. Non è reale, siamo tutti speciali e unici, ma anche tutti stranamente uguali. Perché non ascoltare invece di fingere di sapere tutto. Prendi spazio, contempla, pensa prima di parlare e sii umile. Offri agli altri la possibilità di parlare, sognare e fare pazzie.

La persona “bella”

La maggior parte delle persone vogliono essere apprezzate da tutti. “Sono una persona piacevole. Voglio avere  la gente a favore a tutti i costi.” E se “a tutti i costi” sta sacrificando la mia libertà, non mi interessa.

Molti di noi temono che mettendo al primo posto i propri bisogni, allontaneranno quelli che li circondano e finiranno per sentirsi soli.

“Da piccolo ero sempre d’accordo con gli altri, non osavo dire di no, avevo paura di stare accanto alle persone e avevo una paura mortale del conflitto. Mi lamentavo spesso che le persone non mi trattavano bene o non restituivano la mia gentilezza, ma poi continuavo a dargliene comunque. Ero un tappetino.” ( Giovanni)

Se porti questa maschera è ora di lasciarla e andare avanti. Abbiamo tutti bisogno di essere apprezzati ma questo va fatto con i dovuti stratagemmi. In primis impara a dire di no. Togliti dal pilota automatico “sì”.

Essere uno “zerbino” può sembrare una zattera di sicurezza, specialmente se lo hai usato per buona parte della tua vita. Ma chiediti: per rendere felici gli altri, vale la pena non far felice me stesso/a?

“Mentre diventavo più consapevole delle abitudini piacevoli per me ,ho iniziato a prestare attenzione alla mia comunicazione abituale  e ho iniziato a fare piccoli cambiamenti trovando il modo di dire “no” quando non volevo fare una cosa e questa sensazione mi fa sentire forte e libera”(Vanessa)

Togliti la maschera lentamente, inizia cambiando un’abitudine. Abbassa la richiesta di qualcuno o esprimi ciò che pensi veramente di una persona. Mettere le tue esigenze al primo posto, è l’unico modo per amare veramente te stessa/o e gli altri. 

Questo è l’inizio del meraviglioso amor proprio che è alla tua portata, e puoi scegliere di migliorare rompendo le vecchie abitudini un po’per volta.

La persona “scontrosa”

Il nonno di Heidi è un “vecchio scontroso”. Ringhia ai bambini che corrono sulla sua erba, brontola quando la posta non viene consegnata, non parla e si lamenta della vita in città.

Alcune persone sono semplicemente banali. Alcune persone amano mettere gli altri k.o e brontolare su ogni cosa.

Perché? Che scopo potrebbe avere questa maschera? Sappiamo tutti che il nonno di Heidi era buono e all’interno della maggior parte delle persone c’è la bontà d’animo.

Essere uno stronzo è un fattore di intimidazione, ma a meno che tu non sia l’esattore delle imposte, stai eccessivamente amplificando la mancanza di fiducia.

Il comportamento “macho”, il bullismo e l’aggressività sono spesso tentativi di proteggere una fragile autostima. Normalmente chi è stato ferito e porta questa maschera, si protegge dall’ imbarazzo, dalle ferite o dall’essere respinto di nuovo. Questa maschera è di solito un segno che qualcuno è solo, spaventato.

Ma indossare questa maschera in modo ironico, ti isola ancor di più dagli altri. Smetti di proiettare il tuo passato doloroso sulle persone.

Hai solo bisogno di un grande abbraccio.

Ciò a cui resisti, persiste. Indossare questa maschera è un segnale di avvertimento che qualcosa non è risolto in te stesso.

Carl Jung disse:

Se non conosci e non possiedi gli aspetti più oscuri di te stesso, proietti i tuoi stessi elementi negativi rimossi su altre persone“.

Vuoi davvero attraversare la vita, inscatolato, spaventato e temuto?

 

Lascia un commento se ti va o contattami senza impegno se stai vivendo un momento di sconforto emotivo, lavorativo, familiare.. Non aver paura.. Ama-ti

Amore immaturo e maturo: dal bisogno al dare

Ti amo perché ho bisogno di te.

L’amore immaturo è una trappola che nasce dalla necessità individuale. È tua responsabilità sviluppare un amore maturo che ti permetterà di costruire relazioni felici. Ti mostrerò come fare.

Amore immaturo e amore maturo. 

Tutti abbiamo intrapreso (o dovremmo intraprendere) quel viaggio emotivo da una dimensione all’altra. È una transizione necessaria che avviene come risultato di apprendimento, autocoscienza e responsabilità. Tuttavia, questa opera d’arte psicologica dell’amore maturo non è facile. Quelli che si attengono alla necessità dell’altro/a e alla trappola dell’aderenza, abbondano.

Erich Fromm è stato il primo a parlare di queste categorie di relazioni. Nella sua celebre opera  The Art of Loving , ha insegnato, tra le altre cose, che niente può essere più dannoso dell’amare senza sapere come amare o senza comprendere i pilastri di questo sentimento eccezionale.

A causa di questa mancanza di conoscenza, molti costruiscono relazioni dannose, aprendo ferite per se stessi e per gli altri e causando dolore che richiede tempo per guarire.

Coloro che mostrano amore immaturo non capiscono il motivo dei loro fallimenti. Perché? Perché costruire un legame sano, maturo e consapevole con qualcuno richiede coraggio e senso di responsabilità personale . Ma coloro che considerano l’amore una necessità e come qualcosa per riempire il proprio vuoto emotivo tendono a incolpare l’altra persona perché “nessuno la ama davvero come merita”.

Diamo uno sguardo più da vicino.

 Quali sono le differenze?

Nonostante l’amore sia un sentimento che tutti possono provare, in realtà non è una dimensione adatta a tutti.

Come mai di un’affermazione così provocatoria? Sebbene l’amore sia una delle realtà più potenti e belle che puoi sperimentare, il tipo sbagliato di amore può distruggere e annientare . Lo dico anche perché oggi continuano ad abbondare idee antiquate e sbagliate, come l’idea di convalidare l’amore romantico nel mezzo del 21 ° secolo.

Inoltre, molti accumulano una relazione fallita dopo l’altra perché ancora non capiscono che per amare, devi prima amare te stesso . L’amore maturo richiede anche molta umiltà, coraggio e conoscenza. 

Tuttavia, il cervello tende naturalmente ad essere dominato dall’attrazione, dalla passione e dal desiderio ardente di stare con qualcuno. Consapevoli di questo, non c’è sempre tempo per imparare le regole del sano amore. Il tipo di amore che non fa male, il tipo in cui nessuno dei due finisce per essere la vittima o un bullo emotivo.

Voglio regalarvi alcune delle principali differenze tra amore immaturo e maturo.

Amore immaturo: affetto che nasce dalla necessità

Il problema principale delle persone che sono caratterizzate da un amore immaturo è che non si sentono mai amate come vogliono essere amate . Si sentono costantemente insoddisfatti e traditi. La loro è una storia di continui fallimenti, dove sono delusi perché nessuno può riconoscerli o comprenderli

  • Nella loro mente risiede un pensiero costante: “Nessuno mi ama come voglio essere amato” e non smettono anche di pensare che forse “non mi amo nemmeno io, come dovrei”.
  • L’amore immaturo e l’amore maturo differiscono soprattutto in un’area chiave: il primo tipo deriva dalla necessità. Hanno bisogno di essere amati e convalidati dal loro partner per sentirsi come se avessero un posto nel mondo. La loro autostima e consapevolezza di sé si basano su questa fonte esterna e, se non c’è, niente sembra giusto.
  • Questo tipo di persona adora l’altra persona in modo sproporzionato e farà qualsiasi cosa per l’altra. In questa forma di amore non ci sono limiti o linee guida. È dare tutto per niente, un desiderio disperato che non lascia che l’altra persona sia se stessa.
  • Questa cecità emotiva li porta a vivere per l’altra persona. Possono essere come un bambino possessivo che può esplodere in un impeto di gelosia, fare i capricci perché è sopraffatto dalla paura di non essere amato o di essere tradito.
  • Inoltre, è importante notare che l’amore immaturo è un’altra etichetta per l’amore romantico. È dove entrambi cercano quella metà migliore che, quasi come un personaggio di una fiaba, viene a salvare l’altro da tutti i problemi . Il concetto di anima gemella . Questo è un atteggiamento che porterà gravi fallimenti, errori e dolore.

 

Amore maturo: il desiderio che nasce dall’autorealizzazione

Il viaggio tra l’amore immaturo e quello maturo è personale. È un percorso che tutti devono intraprendere per diventare competenti nel campo dell’amore. Significa passare da una carenza a un’abbondanza. Dal sentirsi privati ​​al sentirsi soddisfatti. Perché? Perché chi ama in modo maturo non ha bisogno di trovare un partner per sentirsi felice, si sente completo da solo .

 

Anche questo tipo di persona non cerca né desidera ricevere nulla da un altro. Questo perché tutto ciò che l’amore immaturo si aspetta, la persona matura ha già e fornisce a se stesso, come riconoscimento, sicurezza, autostima , ecc.

Quindi, quando questo tipo di persona stabilisce una relazione affettuosa, lo fa per desiderio e mai per necessità. Il loro obiettivo è trovare un altro significativo con cui condividere il viaggio di vita.

Entrambi sono persone libere e soddisfatte che si scelgono a vicenda per costruire una relazione basata sulla felicità e sulla condivisione.

  Amore immaturo e maturo: come passare dall’uno all’altro

Nessuno passa automaticamente dall’uno all’altro solo invecchiando. La maturità emotiva non arriva con l’età o con la sofferenza. Inoltre, alcuni passano da una delusione a un’altra senza rendersi conto che i loro problemi derivano da un amore immaturo.

Come puoi sviluppare, quindi, buone basi per un amore maturo, consapevole e appagante? Ecco alcune aree chiave su cui riflettere.

  • Lavora sulle “qualità” che ti aspetti dal tuo partner. Se vuoi un partner amorevole, sii amorevole. Se stai cercando qualcuno divertente, intelligente, premuroso e fiducioso, diventa tu stesso quella persona. Smetti di aver bisogno e trasformati in ciò che vuoi che gli altri ti diano.
  • Sii la persona che vorresti avere al tuo fianco.
  • Costruisci la tua autostima. Come diceva Erich Fromm, l’amore immaturo dice a se stesso che “amo perché loro mi amano”. Tuttavia, l’amore maturo capisce che “Mi amano perché so come amare; mi amano perché io amo me stesso ”.

 

L’amor proprio, l’autostima e il lasciar andare la paura di essere soli sono le chiavi che costituiscono le basi su cui costruire relazioni sane. 

Il tipo di legami affettuosi che durano e che fanno dell’amore un viaggio di crescita e scoperta. Il tipo di amore che mette da parte paure, bisogni e vuoti per creare un rifugio dove il dolore non esiste.

Come vivi il tuo amore? Immaturo o maturo?  Riesci ad amare te stesso?

Fammi sapere come ti senti, è per me importante, grazie!

il potere delle convinzioni

Le convinzioni hanno un effetto potente sulla nostra vita.

È risaputo che se qualcuno crede veramente di poter fare qualcosa la farà, e se crede che qualcosa sia impossibile nessuno sforzo lo convincerà che la si possa realizzare.

Sfortunatamente molti malati, come quelli colpiti dal cancro o da malattie cardiache, spesso si presentano ai medici ed ai loro amici con la stessa convinzione menzionata in questa storia.

Spesso le convinzioni del tipo:

  • Ormai è troppo tardi”,
  • “In ogni caso non c’è niente che io possa fare”,
  • “Sono una vittima… è giunta la mia ora”

possono limitare tutte le risorse della persona.

C’è una vecchia storia, riportata da Abraham Maslow( psicologo statunitense, ricercatore) su un paziente in cura presso uno psichiatra. Quel tale non mangiava o non si prendeva cura di sé, sostenendo che era un cadavere.
Lo psichiatra trascorse molte ore discutendo con lui per tentare di convincerlo di non essere un cadavere.
Alla fine gli chiese se i cadaveri sanguinano. L’uomo rispose: “Naturalmente i cadaveri non sanguinano, tutte le loro funzioni vitali sono cessate”.
Allora lo psichiatra lo convinse a tentare un esperimento. Lo avrebbe punto cautamente con uno spillo per vedere se cominciava a sanguinare. Il paziente acconsentì. Dopo tutto, era un cadavere.
Lo psichiatra lo punse delicatamente con un ago e questi, ovviamente, cominciò a sanguinare. Il paziente assunse un’espressione turbata e stupita e disse, con un filo di voce: “Dannazione… i cadaveri SANGUINANO!”

Le nostre convinzioni riguardo a noi stessi ed alle possibilità offerte dal mondo in cui viviamo, incidono sensibilmente sulla nostra efficienza giornaliera.

Tutti noi abbiamo sia delle convinzioni che rappresentano delle risorse sia delle convinzioni che ci limitano.

Un altro esempio del potere delle convinzioni, sia di quelle limitanti che di quelle potenzianti, è quello del ‘miglio in quattro minuti’.
Prima del 6 Maggio 1954, si credeva che quattro minuti fossero una barriera insuperabile per la velocità con cui un essere umano può percorrere circa un km e mezzo.
Nei nove anni che precedettero la giornata storica in cui Roger Bannister infranse il tetto dei quattro minuti, nessun atleta si era neanche avvicinato a quel record.
Entro le sei settimane successive all’impresa di Bannister, l’atleta australiano John Lundy lo abbassò di un altro secondo.
Entro i nove anni successivi quasi duecento persone hanno infranto quella barriera apparentemente impenetrabile.

Il potere delle convinzioni è stato dimostrato grazie ad una ricerca illuminante su alcuni bambini che, in seguito ad un test, erano stati ritenuti di media intelligenza, divisi in modo casuale in due gruppi di uguale entità.

Uno dei gruppi è stato assegnato ad un insegnante a cui è stato detto che i bambini erano “dotati”.

L’altro gruppo è stato affidato ad un insegnante a cui è stato detto che i bambini erano “lenti nell’apprendimento”.

Dopo un anno i due gruppi sono stati sottoposti nuovamente ai test di intelligenza.

Non è certo sorprendente che la maggioranza del gruppo che era stato arbitrariamente classificato come “dotato” abbia ottenuto risultati migliori che in precedenza, mentre la maggioranza dei bambini del gruppo classificato “lento nell’ apprendimento” abbia ottenuto risultati inferiori.

Le convinzioni dell’insegnante riguardo agli studenti avevano influito sulla loro abilità di apprendere.

Certamente, questi esempi sembrano voler dimostrare che le nostre convinzioni possono plasmare, influenzare o perfino stabilire il nostro grado di intelligenza, di salute, di relazioni, di creatività, addirittura il nostro grado di felicità e di successo personale.

Inoltre, se le nostre convinzioni esercitano un potere così straordinario sulla nostra vita, in che modo possiamo controllarle ed evitare che siano esse a controllarci?

Molte convinzioni sono state installate dai genitori, dagli insegnanti, dagli educatori e dai media quando eravamo bambini, prima che fossimo consapevoli del loro impatto, o che fossimo in grado di fare delle scelte in merito.

Per cambiare qualcosa, devi prima identificarlo.È importante rimanere pertinenti.

Tutti abbiamo tonnellate di convinzioni limitanti, ma la verità è che molte di loro sono irrilevanti.

Preoccupati quindi solo delle convinzioni limitanti che avranno il maggiore impatto,quando hai analizzato quelle, puoi occuparti di altro.

Parte del successo è concentrarsi sulle questioni più importanti della nostra vita.

Fai un elenco delle aree della tua vita in cui ti senti sfidato.

Se hai un’area della tua vita che ti dispiace e non stai attivamente facendo qualcosa per ripararla, allora è una bella sfida che tu abbia una convinzione limitante.

Altrimenti che senso avrebbe prodigarsi e fare qualcosa per cambiare la situazione?

Il tuo comportamento è un indicatore delle tue convinzioni.

Considera come stai andando nelle seguenti aree:

  • Senti una pressione finanziaria nella tua vita? Hai tutte le cose di cui hai bisogno o che vuoi davvero? Quanti soldi hai nei risparmi? Hai le entrate che desideri? Quel reddito è sicuro?
  • Le tue relazioni sono soddisfacenti? Considera la tua relazione intima e anche le relazioni con la famiglia, gli amici e i colleghi.
  • Ti stai prendendo cura di te stesso? Come va il tuo peso? Vai dal medico regolarmente per i controlli?
  • Divertimento e avventura. Stai facendo le cose che vuoi davvero fare? Sogni di andare all’estero ma non lo hai ancora fatto? Vuoi imparare a suonare la chitarra ma non l’hai mai fatto?
  • Qualsiasi altro aspetto della tua vita in cui stai vivendo insoddisfazione. Pensa a qualsiasi altra parte della tua vita in cui sei meno che soddisfatto. Se non sei soddisfatto della tua vita, una convinzione limitante potrebbe essere la causa.

 Identifica le credenze che stanno contribuendo alle tue sfide.

Fai un elenco di tutte le tue convinzioni, buone e cattive, riguardo alle sfide che hai identificato sopra.

Non tentare di filtrarli come positivi o negativi durante l’esecuzione di questo processo, basta elencarli tutti mentre fai il brainstorming ed esaminarli in seguito.

Ecco un breve esempio di convinzioni limitanti riguardo il denaro:

  • Non sarò mai ricco.
  • I ricchi sono disonesti.
  • Non avrò mai abbastanza soldi per avere una bella casa.
  • Se sono ricco, le persone proveranno a derubarmi.
  • I miei amici mi tratteranno diversamente se avrò molti soldi.

Riesci a capire perché sarebbe difficile guadagnare molti soldi se credi a queste cose?

 Identifica le credenze che ti trattengono.

Pensa a quali credenze stanno avendo il maggiore impatto negativo sulla tua vita.

Un modo per farlo è quello di:

considera come cambierebbe il tuo comportamento se quella convinzione fosse eliminata dalla tua vita.

Esaminale sinceramente e considera il cambiamento che la tua vita subirebbe se non fossi trattenuto da quella convinzione.

Metti in ordine quelle credenze negative.

Inizia con la convinzione limitante che ritieni stia creando la sfida più grande nella tua vita.

Mettili tutti in ordine dalla convinzione che ha il massimo impatto negativo al minimo.

La priorità del tempo è sempre una strategia preziosa.

Ora che hai un elenco delle tue convinzioni limitanti e le hai in ordine, è tempo di iniziare a gestirle.

 Come eliminare una convinzione limitante?

Segui questo processo per sbarazzarti di una convinzione limitante:

  1. Leggi la convinzione ad alta voce e chiediti: ” So davvero che questo è vero?”

L’hai provato tu stesso abbastanza volte da essere sicuro che sia vero?

Ricorda, non puoi trarre con precisione conclusioni da un numero limitato di esperienze.

Sai davvero che questa convinzione è vera senza ombra di dubbio?

  1. Da dove ti è venuta questa convinzione?

Ad esempio, la tua convinzione limitante sul denaro è venuta dai tuoi genitori?

I tuoi genitori erano ricchi?

Se non lo fossero, non sono una fonte affidabile di informazioni.

Dopotutto, un esperto di denaro sarebbe in grado di averne molto.

Se qualcuno non ha avuto molti soldi, non sa davvero come accumularli o cosa significhi averli.

Valuta se la fonte della tua convinzione è valida o meno.

Le tue convinzioni dovrebbero provenire dalle tue esperienze personali e dai consigli degli esperti. 

Quindi affidati agli esperti! Sono facili da trovare con un po ‘di ricerca.

3.Basta affermare a te stesso: “ Ho scelto di non crederci più. Non è vero . “

Dichiarare la tua intenzione ha un profondo effetto.

Cerca prove a sostegno.Trova alcuni motivi ed esempi per cui questa convinzione limitante è falsa.

Per esempio:

  • La persona che mi ha detto questo non lo sa davvero.
  • Non l’ho mai provato da solo.
  • Ho visto altri che sono meno capaci di me avere successo in questo.

Per lo meno, dovresti provare un senso di dubbio su quella convinzione limitante.

In caso contrario, continua a trovare altri motivi.

Mettiti online e leggi alcuni articoli di qualcuno che ritieni sia veramente un esperto sull’argomento del tuo credo.

Cerca esempi in cui la convinzione è falsa.

Immagina quanto cambierebbe la tua vita se non avessi più questa convinzione.

  1. Crea una nuova convinzione che ti serve.

Questo sarà l’opposto della credenza limitante o almeno qualcosa del genere.

Crea una convinzione che migliorerà la tua vita e sosterrà la tua capacità di agire per migliorare la tua vita.

Trova esempi per supportare questa nuova convinzione.

Qualsiasi convinzione sarà più stabile se dispone di informazioni e prove a sostegno. Cerca davvero di dimostrare che è vero.

Immagina di dover dimostrare a qualcun altro che la tua nuova convinzione è accurata. Questo dovrebbe portarti dove devi essere.

5.Misura te stesso.

Ogni giorno, controlla te stesso.Come ti senti riguardo alla tua nuova convinzione?

Cosa provi per la tua vecchia convinzione? Misura il tuo istinto: è un collegamento diretto con il tuo subconscio.

Il tuo comportamento sta cambiando?

Se le tue convinzioni cambiano, anche il modo in cui agisci e senti cambierà.

Le nostre vite e sentimenti sono una manifestazione delle nostre credenze.

Se le tue convinzioni sono davvero cambiate, anche la tua vita cambierà.

  1. Torna al tuo elenco di credenze limitanti.

Continua a lavorare sul tuo elenco di credenze negative.

Lavora attraverso quegli elementi e continua ad aggiungere nuovi elementi al tuo elenco. Scoprirai che scoprirai nuove convinzioni limitanti mentre inizi a fare progressi nella tua vita.

Man mano che sperimentate cose nuove, appariranno nuove credenze limitanti, queste sono credenze che non sapevi di avere fino a questo punto.

Quando stabilisci nuovi obiettivi, si presenteranno nuove sfide.

Man mano che impari e sperimenti di più, i tuoi obiettivi cambiano, così cambieranno anche le convinzioni limitanti che hai.

Forse deciderai che tra 5 anni vorresti diventare un ingegnere, le convinzioni limitanti che hai sull’essere un ingegnere dovrebbero quindi essere affrontate.

Continua a esaminare la tua vita per limitare le convinzioni ed eliminarle.

È come tirare le erbacce, non importa quello che fai, alcune erbacce spuntano sempre nel tempo.

Basta riconoscerle e liberarsene.

  1. Ripetere tutti i passaggi precedenti su base regolare.

Mentre stabilisci nuovi obiettivi o hai nuove sfide nella tua vita, ripeti il ​​processo sopra.

Siediti una volta alla settimana e fai un nuovo elenco di credenze limitanti.

Sarai inarrestabile.

“A volte tutto ciò che serve per cambiare una vita è decidere quali credenze non ti servono e cambiare letteralmente la tua mente su quelle credenze” Joy Page

Sei anche tu un genitore single? Ecco come vivere meglio insieme ai nostri figli

Paola è una mamma single con una figlia di nove anni, che ha allevato da sola da quando Carolina era una bambina. “La parte più difficile dell’essere un genitore single è non avere nessun supporto quando Carolina si comporta in modo scorretto, quando non mi ascolta, e io non so proprio cosa fare. Sto davvero diventando ansiosa per la sua adolescenza. Non sono sicura di poterla “tenere in pista” da sola: è così ostinata.”

 

Paola è lontana dall’essere sola, anche se la monogenitorialità è uno dei lavori più difficili del pianeta, questo è vero, tuttavia più del 50% delle famiglie in Europa è guidato da una sola madre o padre . Gran parte del tempo in cui un genitore lavora a tempo pieno, cerca di mantenere la casa, oltre a tutto ciò che fornisce al figlio, alle volte, è ripagato con capricci, disubbidienze e risposte arroganti.

A peggiorare le cose ci sono i sensi di colpa che molti genitori single provano, questo mette a repentaglio il lavoro che sta facendo per crescerlo, da solo, nella giusta direzione con regole e principi. Quindi cosa puoi fare per mantenere la fiducia in te stesso e la pace nella tua casa?

  1. Ricorda che “due” sono una famiglia

Un genitore single con un figlio, è una famiglia. Nella società, quasi tutto è attribuito ai genitori single e alle famiglie distrutte, ed è molto triste perché non è vero. La cosa più importante non è il numero di genitori in casa, ma chi fa il genitore. Chiedo spesso ai miei clienti: “Non conosci genitori single che hanno allevato figli bravi, realizzati?” la risposta è sempre : “SI”.

Quindi, invece di pensare, “Siamo una famiglia distrutta”, diciamo, “Siamo una famiglia monoparentale” , è solo un tipo diverso di gruppo. Ritengo che essere un genitore single di successo risieda nella tua percezione. 

Con questo intendo che i genitori single pensano spesso che sia più difficile per loro. È così facile pensare che l’erba sia più verde dall’altra parte, eppure quando hai una famiglia con due genitori, il tuo coniuge potrebbe non essere così accondiscendente: di solito c’è un genitore che preferisce essere più severo e uno più indulgente, e poi si combatte su chi ha ragione. Una grande parte del cambiamento delle tue percezioni sulla genitorialità single è se vedi la tua situazione in modo diverso.

Cerca di vedere la situazione della tua famiglia come un’opportunità piuttosto che un fallimento. Non fraintendermi, non sto dicendo che non ci siano difficoltà nell’essere una mamma o un papà single, ma ci sono anche dei vantaggi da tenere presente.

  1. Rinuncia alla tua colpa

 E’ una realtà che i tuoi figli, crescendo, prenderanno sempre più forza e ruolo, in famiglia. Se un genitore single si sente in colpa per lo scioglimento del matrimonio, per la sua capacità di adempire finanziariamente ai propri doveri o per qualsiasi altra ragione, i bambini si faranno forza di questo, perché se ne accorgeranno e vi si rivolteranno contro, facendovi sentire inadeguati, sbagliati e incapaci.

Se invece sarai sincero/a e assertiva/o dicendo: “Questo è il modo con cui ritengo che la nostra famiglia debba crescere, faremo del nostro meglio, farai tu del tuo meglio affinchè noi cresceremo al massimo”, il bambino riprende quella fiducia, sicurezza e si impegnerà a sua volta. Non sentirti in colpa, non cercare di  “inventare qualcosa” coi figli, altrimenti i bambini si sentiranno autorizzati nel non crederti più e quindi nel mentirti a loro volta.

  1. Fai sapere ai tuoi figli che sono necessari in famiglia

Uno dei maggiori problemi con i bambini di oggi è che non sono “necessari” in famiglia. Non hanno abbastanza responsabilità e non sono tenuti a soddisfare quelle che hanno. Ma un genitore single può dire sinceramente: “Siamo una squadra, possiamo condividere la responsabilità”. Dai ai tuoi figli l’opportunità di sentirsi necessario e apprezzato. Dare loro delle vere responsabilità a casa, come aiutare con il bucato o la cena (a seconda dell’età del bambino). I genitori single possono considerarla un’opportunità e dire “Wow, ho veramente bisogno dei miei figli”.

  1. Risolvete i problemi insieme

  Più li coinvolgi in: “Qual è il problema e qual è la soluzione?”, più si sentiranno motivati ​​a seguire quelle regole. Penso che i problemi sorgano quando i genitori iniziano a dettare le regole, e i genitori single possono ritenere di dover essere più punitivi per mantenere il controllo. Abbiamo tanta paura che se non aggiungiamo una punizione, lasceremo che il bambino se la cava con poco.

Credo nel permettere ai bambini di sperimentare le conseguenze delle loro scelte.

Se il tuo figlio è disattento, va in bicicletta sul vialetto e viene investito, un genitore potrebbe punirlo dicendo “OK, non ti comprerò mai una moto e questa estate non puoi più andare in bici”. Non consideri che ha già vissuto la sua conseguenze di ciò che è accaduto? Si è fatto/a male, ha perso la sua bici. Invece, se ti concentri sulle soluzioni con i tuoi figli, puoi aiutarli a essere più responsabili. Quindi potresti dire: “Sono disposto a sedermi e pensare con te su come puoi guadagnare un po’ di soldi per comprare una nuova bicicletta”(dipende dall’età del figlio o figlia, ovviamente). Trovate una soluzione insieme. È una questione di consapevolezza, così puoi concentrarti sulle soluzioni.

  1. Quello che succede a casa dell’ ex rimane a casa dell’ex

Quando è coinvolto un altro genitore o un ex-coniuge, le cose possono complicarsi, specialmente se le regole dell’altra famiglia in cui il bambino trascorre il proprio tempo sono diverse. Spesso i bambini cercheranno di negoziare con te in base a quello che succede a casa tua. Quando i tuoi figli non vogliono seguire le regole della tua famiglia, puoi dire: “Questo è il modo in cui facciamo le cose nella nostra casa”. Non lasciarti ricattare o controllare dall’ ex e dalle regole (o la loro mancanza) della loro casa.

  1. Avere incontri familiari regolari con i figli

 Questo è importante per tutte le famiglie, ma è particolarmente utile per i genitori single in quanto serve a fornire una struttura. Siediti una volta alla settimana e concentrati su ciò che sta accadendo in famiglia. Consiglio ai genitori di iniziare l’incontro con i complimenti, di verbalizzarli e poi concentrarsi sulle soluzioni ai problemi che stanno crescendo. Potresti dire “caro/a, apprezzo molto il modo in cui hai tenuto pulita la tua stanza ultimamente, bel lavoro!.”

Fai il giro del tavolo e chiedi a tutti di dire qualcosa di buono su ogni persona presente. Quindi lavora insieme come una famiglia per stabilire nuove regole.

Con le riunioni familiari, i figli si sentono necessari, dotati di poteri e motivati ​​ad assumersi le proprie responsabilità. Si sentono ascoltati, valutati, presi sul serio. I figli si ribellano se percepiscono che continuiamo a cercare di togliere il loro potere. Abbiamo bisogno di iniziare a consentire ai nostri figli di usare il potere che stanno avendo in modo rispettoso per tutti. Ecco perché amo le riunioni di famiglia.

Puoi anche utilizzare le riunioni di famiglia per elaborare idee per attività che vorresti fare tutti insieme: ognuno può dare un suggerimento. Anche se il tempo è un premio per i genitori single, ricordati di pianificare il tempo per il divertimento con loro. Non deve costare per forza tanto denaro, purchè sia del tempo condiviso e apprezzato da tutti i componenti della famiglia.

Non sempre è facile mettere d’accordo tutti, soprattutto se si hanno figli di sesso opposto e con età diverse, in quel caso cerca di dividere i tempi di frequentazione dell’uno e dell’altra in modo da viverli separatamente e in armonia entrambe. Questo ti aiuterà a rafforzare la tua famiglia e ti metterà sulla strada del successo dei genitori single.

Genitorialità positiva: 5 regole per aiutarti ad affrontare il comportamento negativo dei figli in modo più positivo

I tuoi figli ti fanno impazzire? Se ti è mai stato chiesto di descriverli, dopo aver detto :”È un bravo ragazzo, ma …”,  aggiungeresti le parole come “provocatorio”, “lamentoso”, “immotivato”, “irrispettoso”, “arrabbiato” o “esigente”? Aggiungendo solo  alcuni lati positivi qua e là?

Se i negativi nella tua mente sono più grandi dei positivi, la prima cosa da capire è che è naturale. Dopo tutto, noi genitori siamo umani, il che significa che tendiamo a cercare ciò che è sbagliato nella nostra progenie, così che possiamo concentrarci su ciò che dovremmo “sistemare” in essi. In qualche modo questo ci tranquillizza; crediamo di migliorare le loro possibilità di sopravvivenza a lungo termine in un mondo spesso difficile.

Fermare la ricerca di ciò che temiamo è un’abilità genitoriale e di apprendimento importantissima da imparare.

Il problema è, tuttavia, che se passiamo la maggior parte del nostro tempo a preoccuparci, a sistemare e cercare di dare forma ai nostri figli in ciò che pensiamo dovrebbero essere, ci mancano i lati positivi di chi sono realmente.

La buona notizia è che è effettivamente più efficace guardare l’immagine bilanciata se si vuole influenzare positivamente figlio/a  e mantenere la comunicazione aperta tra di voi. Ti aiuterò a “cambiare le lenti negli occhiali” in modo da poter vedere i comportamenti negativi di tuo figlio in una luce più positiva – o almeno più accurata!

Ecco cinque regole per iniziare:

Regola 1: smetti di cercare ciò che temi

Quando la tensione aumenta, i genitori possono avere la tendenza a cercare prove di ciò che temono. Avevo un amico che era così spaventato che suo figlio fosse un perdente che lo teneva sveglia di notte. Lui stesso aveva lottato socialmente per tutta la vita.

Per affrontare la paura per suo figlio, girava nel cortile della scuola durante la ricreazione, per cercare prove per confermare la sua convinzione negativa su di lui,  ossia non aveva amici. Certo, quando cerchi prove per confermare le tue credenze spaventose, troverai situazioni e le etichetterai come tali.

Un giorno, mi raccontò, mentre lui guidava, lo vide in piedi da solo su un’estremità dell’asfalto mentre tutti gli altri bambini giocavano dall’altra parte della strada. Scese dalla macchina e corse verso di lui freneticamente e gli disse: “Ale, perché sei qui tutto solo e non ti unisci agli altri bambini? e lui rispose: “Papà, puoi toglierti di mezzo?

Questo illustra esattamente ciò che l’ansia può fare a noi genitori, può portarci a cercare prove di ciò che temiamo, e quindi iniziamo a trattarli come se il problema fosse reale, così facendo creiamo una nostra profezia in realtà.

Se questo diventa un modo abituale di affrontarli, invece di aiutarli a imparare a comportarsi in modo più appropriato con gli altri, potremmo inavvertitamente aiutarli a crearsi altri disagi. In altre parole, ciò che stavi cercando di prevenire si verificherà. Perdiamo di vista il logico e il reale, quando ciò accade, anche i tratti positivi possono diventare negativi.

Fermare la ricerca di ciò che temiamo è un’abilità genitoriale e di apprendimento importante da imparare.

 

Regola n. 2: cambia le lenti

Possiamo anche trasformare i lati positivi in ​​negativi quando non siamo in grado di vedere le cose buone seppellite nei comportamenti noiosi e fastidiosi che ci fanno impazzire. Quanto spesso ci preoccupiamo quando i nostri ragazzi sono ribelli con noi? Non ci piace quando si scontrano con noi in disaccordo con ciò che vogliamo che facciano. Quando dicono di no o si rifiutano di fare ciò che chiediamo, ci fanno arrabbiare.

È naturale arrabbiarsi con i nostri figli e etichettare il loro comportamento e atteggiamento come qualcosa di negativo, qualcosa che dobbiamo sistemare in loro. Mentre dobbiamo affrontare il comportamento risultante (rifiuto di conformarsi), la vera caratteristica del bambino non è necessariamente una cosa negativa.

Cambiando l’obiettivo nei nostri occhiali, invece di provare a cambiare i nostri figli, possiamo arrivare ad apprezzare la loro tendenza all’opposizione, anche se può essere estenuante e difficile da gestire.

Provate a guardarla in questo modo: vogliamo che i nostri figli crescano e siano adulti responsabili e indipendenti. La sfida e l’opposizione che vedi possono anche tradursi in un bambino che non ha paura di dire “no” alla pressione dei coetanei, o che ha forti capacità di leadership. Il nostro compito di genitori è di dirigere questa energia in modo appropriato ponendo dei limiti, conoscendo i nostri figli e cercando di mantenere le linee di comunicazione aperte con loro.

Vedere il positivo nei comportamenti dei nostri bambini è una sfida quando il comportamento rende la nostra vita più difficile o diversa da come vorremmo che le cose accadessero. È più facile visualizzare le cose in modo più positivo quando consenti e accetti che tuo figlio sia unico e diverso da te. Non devi permettere ogni cosa a tuo/a  figlio/a bambino, ma è utile cercare di fare un passo indietro e vedere la sua affermazione da una mentalità più positiva.

Un esercizio utile: se la tua tendenza è quella di vedere il bicchiere mezzo vuoto, pensa a  cosa ti servirebbe per vedere il bicchiere mezzo pieno?

Ecco il mio consiglio: ogni volta che ti trovi concentrato sui tratti negativi del tuo bambino, scrivi tre positivi su quel tratto o comportamento. Allenati a vedere le cose da una prospettiva diversa. Se tuo figlio è troppo sensibile, nota il positivo: la sua natura empatica. Se lei è polemica, nota il positivo: ha affermazione di sé.

La chiave è di notare gli aspetti positivi all’interno dei negativi del comportamento di tuo figlio, e quindi aiutarla/o a canalizzarlo correttamente. Potresti aiutarlo/a a passare dall’aggressività all’affermazione ponendo dei limiti attorno al suo comportamento, dando conseguenze per un comportamento inadeguato (e non le sue emozioni) e poi avendo conversazioni sulla risoluzione dei problemi su come gestire le cose in modo appropriato la prossima volta, per esempio. Ma in fondo, l’assertività di tuo figlio è uno strumento molto utile nel mondo reale, purché possa utilizzarla in modo sano. Il tuo compito è guidarla/o, aiutarla/o e insegnargli come farlo.

 

Regola n. 3: visualizza te stesso al posto di tuo figlio

Guarda tutti i comportamenti che ti fanno arrabbiare e chiediti cosa hai bisogno di capire a riguardo. Per fare questo, dovrai dare un’occhiata al cervello in via di sviluppo di tuo/a figlio/a e metterti nei suoi panni per un momento. Con questa nuova comprensione, sarai in grado di vedere il comportamento con meno ansia.

Diciamo che tuo figlio della scuola media vuole comprare le scarpe costose da ginnastica che tutti a scuola indossano, e si mette a urlare quando gli dici di no. Così urli anche tu: “Solo perché tutti le hanno, non significa che devi averle!” E poi pensi tra te e te: “Cosa è successo ai valori che gli abbiamo insegnato? Cosa gli succede? Come mai è diventato così egoista, esigente e maleducato?”

Ora fermati un attimo e visualizza davvero te stesso che entra nei suoi panni. Che cosa puoi ora vedere e capire che non  potevi vedere quando eri nelle tue scarpe? Forse puoi capire con più chiarezza che il problema riguarda meno le sneakers e molto altro sulla sua necessità di adattarsi al gruppo (e non essere diverso). Mentre cresce lui è in un posto dove sente l’urgenza di guardare e comportarsi come i suoi coetanei.

Hai mai provato a non preoccuparti di ciò che gli altri pensavano di te? Come hai fatto? Ora prova ad essere un adolescente o pre-adolescente e fallo. Quasi impossibile, giusto? Non fraintendetemi, capire il comportamento non significa che dovresti arrenderti e andare a comprargli le scarpe costose da ginnastica; significa semplicemente che puoi entrare in empatia con tuo/a figlio/a, e capire le sue esplosioni di rabbia conformandoti e comprendendolo/a  piuttosto che comportarti in modo preoccupato o arrabbiato.

Non prendetela sul personale. Questa nuova regola ti aiuterà sia ad entrare in empatia facendoti calmare prima di discutere di un suo comportamento che pensi sia inappropriato, sia a capire che alcuni comportamenti negativi di tuo/a figlio/a sono normali e in via di sviluppo. Questo può anche aiutarti a depersonalizzare ciò che stanno facendo e vedere il quadro generale un po ‘più chiaramente. In conclusione: il comportamento potrebbe non piacerti, ma almeno sarai in grado di vederlo per quello che è e non prenderlo sul personale.

 

Regola n. 4: chiediti: “È un comportamento negativo o una reazione a qualcos’altro?”

 

A volte trascuriamo l’effettiva causa del comportamento dei figli e lo etichettiamo come negativo. Ma una volta compreso il suo scopo, tutto ci sembra meno catastrofico. Per esempio: diciamo che i genitori di un bambino sono arrabbiati tra di loro per un po’ di tempo.

Il ragazzo percepisce la loro tensione e agisce. Se diventa la spugna emotiva della famiglia, apprende che quando si comporta in modo aggressivo, i suoi genitori si calmano tra di loro concentrandosi solo sul suo comportamento. Perché succede? Loro si concentrano sul comportamento negativo piuttosto che sui propri problemi l’uno con l’altro e si sentono più tranquilli a non dover affrontare le proprie difficoltà. Il bambino cresce e sa che un modo per mantenere i suoi genitori più armoniosi è avere dei problemi da risolvere. Questo accade per lo più inconsapevolmente.

Fai un passo indietro e prova a vedere se il comportamento è un’espressione di “fusione familiare“. Il comportamento del ragazzo dell’esempio esprime ciò che gli altri membri della famiglia non diranno l’un l’altro?

Oppure il suo comportamento aiuta gli altri a non concentrarsi su se stessi, ad abbattere le proprie lotte e comportamenti negativi? Questo si chiama “fusione”. I bambini “ci guardano per vivere”, e intuiranno ciò di cui la famiglia ha bisogno per mantenere un’equilibrio stabile e funzionante.

Ciò significa che agiranno e diventeranno la barra di alleggerimento, se necessario. Una volta che vedi la funzione di determinati comportamenti, puoi vedere il comportamento in una luce diversa.

 

Regola n. 5: Diverso va bene

È naturale sentirsi più positivi sugli altri quando sono “come” noi. Le differenze potrebbero renderci scomodi, ma tieni presente che diverso non è sinonimo di negativo. Se il tuo/a  figlio/a agisce, si comporta o pensa in modo diverso da te, invece di vederlo negativamente, riconosci la differenza e vai avanti.

È così facile vedere gli altri, in particolare i nostri bambini, da un luogo di preoccupazione, e la nostra immaginazione può davvero scatenarsi quando siamo stressati. Cerca di vedere i tuoi figli per quello che sono piuttosto che per chi temi possano diventare. Quando riuscirai a vederli in una luce positiva, ragionevole e realistica, li aiuterai a brillare, fiorire e prosperare.

 

COS’E’ LA “LIBERTA’ PERSONALE”?

L’etimologia della parola libertà viene dal latino libertas, a sua volta derivata da “liber” = uomo legalmente libero cioè il contrario del servus, lo schiavo. Infatti, nell’antichità, si poteva nascere sia “liber”, sia “servus” (e così si poteva rimanere per tutta la vita);  in qualche caso, invece, la libertà si poteva perdere o acquisire (il “liberto”, appunto, era colui che era passato dallo stato di servus a quello di liber).

 

La libertà della persona nell’andare e nel venire, l’uguaglianza davanti ai tribunali, la sicurezza della proprietà privata, la libertà di opinione e la sua espressione, e la libertà di coscienza soggetta ai diritti degli altri e del pubblico.

Libertà è quindi la condizione di chi può decidere a suo piacere della propria persona, di chi può godere della propria autodeterminazione.

La libertà personale così come definita qui, ha due parti distinte ma complementari.

Primo, consideriamo la classica libertà degli individui dall’oppressione statale: la legge protegge i diritti delle persone alla vita, alla libertà, alla proprietà e alla ricerca della felicità, e la legge è rispettata?

Secondo, analizziamo gli atteggiamenti della società: la differenza è accettata e le persone sono libere di vivere la propria vita senza ostilità o indebita pressione sociale?

 

La libertà personale ha raggiunto il suo punto più forte nella storia dell’indice di prosperità, contribuendo in modo significativo alla crescita della prosperità globale complessiva. Ma nonostante questo quadro globale positivo, diverse regioni hanno registrato una riduzione delle prestazioni, tra cui il Nord America e parti dell’Europa occidentale e orientale.

L’idea che ci siamo fatti su cosa sia la libertà personale è che sia qualcosa che non si può solo sognare e dissipare: “La differenza tra sognare la libertà personale e avere una mentalità rivolta alla  libertà personale si riduce all’atteggiamento e all’azione di ognuno di noi“.

Persone che abbiamo intervistato con un alto livello di carica business hanno riportato tre elementi ricorrenti fondamentali nelle loro vite, per riuscire ad avere la libertà intesa a livello globale:

  1. Avere il controllo della propria “time line”.
  2. Avere il controllo della propria direzione.
  3. Avere il controllo delle proprie entrate.

La  “time line” è la linea del tempo di ognuno di noi , ossia il passato, ciò che hai fatto e come lo hai affrontato ( hai l’esempio quindi di cosa andava e cosa non andava per modificare le nuove azioni da intraprendere), il tuo presente e il tuo futuro. Se hai il controllo del presente e ben chiaro il tuo futuro riuscirai a delineare gli spazi necessari per essere libero ORA.

Il controllo della direzione è anch’essa la libertà di poter decidere cosa è meglio fare adesso, per arrivare al tuo focus, che strade prendere e dove direzionare l’ attenzione e su chi, questo in base alle tue priorità. In ultimo, ma non di importanza, è avere il controllo sulle tue entrate, la libertà è anche  finanziaria, il non aver il pensiero di arrivare a fine mese.

La libertà personale quindi, in questo contesto, non significa essere liberi di stare in giro tutto il giorno e giocare ai videogiochi. Piacerebbe a tutti tornare indietro nel tempo all’epoca dei nostri giochi preferiti, o avere il tempo di oziare per l’intera giornata, ma non abbiamo quel tipo di tempo.

Quello che  è in nostro potere ora in merito alla libertà, è il poter di determinare ciò che è importante per noi e per le nostre attività, e di concentrare il nostro tempo e i nostri  sforzi in quel senso.

Quindi cosa significa per te libertà? Devi decidere cosa è più importante per te.

Essere in grado di trascorrere del tempo con la tua famiglia?

Essere in grado di determinare da solo su quali progetti e iniziative lavorerai?

O forse di  metterti in una nuova posizione finanziaria  in cui il tuo reddito non è più determinato da un capo e da uno stipendio fisso mensile ma dalla dipendenza di un’attività in proprio?

Uno degli aspetti più importanti della libertà personale è avere

il controllo del proprio programma, della propria “ TIME LINE”  ed essere in grado di sfruttare quel controllo per essere disponibili anche per gli affetti quando necessario.

Cosa significa ad esempio questa affermazione sopra descritta?

La maggior parte delle persone parla di mancanza di tempo, e quindi mancanza di libertà di fare ciò che ama fare o desidera fare. Ma chi decide per noi?

Chi crea le priorità nella nostra vita? Occorre soffermarsi su questo per capire bene quali sono le nostre priorità e una volta scoperte, lavorare su questo per cambiare la routine e dedicarci alla nostra vera volontà.

C’è chi ama la propria routine perché dice che è un “programma” che funziona bene, anche se a giorni alterni. Grazie, quindi, alla loro personale libertà di pianificazione, hanno cambiato le loro abitudini giornaliere per riuscire ad avere tutti i giorni funzionali al loro programma. Come?

Ad esempio puoi impostare la tua libertà scegliendo di lavorare 10-11 ore al giorno durante la settimana e la maggior parte del sabato e della domenica pomeriggio. Avrai così scelto di investire il tuo tempo nei tuoi affari, nel tuo business poiché la tua libertà è il lavoro e non ti sembra di lavorare in quanto ti occupi di qualcosa che ami

Nel mio caso, in quello che è stata la mia esperienza, il significato più importante che ho dato alla parola libertà è proprio ESSERE ME STESSA. Quindi, non “servus” delle apparenze, di regole date da altri, di schemi e binari che oggi come oggi mi fanno davvero venire l’allergia.

Permettersi di esprimere le proprie emozioni, i propri bisogni, senza paura o vergogna, di dire la propria opinione, di chiedere a prescindere dalle reazioni degli altri, di seguire i propri sogni e scegliere la strada che si vuole seguire… decidendo di diventare la persona che siamo e vogliamo veramente essere… questo, secondo me, è il significato più grande della parola libertà. E non ha prezzo.

Ad esempio, amo il mio lavoro, amo accompagnare le persone nella loro crescita di cambiamento, adoro aiutarle a risolvere le loro difficoltà, a trovare soluzioni ai loro quesiti e malesseri esistenziali.  Sto scrivendo questo articolo  un lunedì sera, ho da poco finito di cenare coi miei figli e prima di accompagnarli a dormire, ho voluto dedicare del tempo a ciò che mi piace e mi impegna con amore.

Sono grata di questa fortuna e grata a me stessa per essermi concessa la libertà di farlo, di scrivere a voi dandov, qualche piccola idea per uscire da certi vortici ansiosi in cui spesso si cade quando non riusciamo a fare tutto ciò che desideriamo.

E forse questa è la più grande libertà personale di tutti.

Essere liberi di perseguire le proprie passioni.

Mi auguro che ognuno di voi riesca a vivere le proprie libertà personali. Il valore è la forza trainante della società – è ciò su cui sono costruiti tutti i sistemi umani.

Nel corso della storia umana, il fondamento delle reti è stato lo scambio – il commercio di beni e servizi, vale a dire il valore. Per essere un’entità libera e competente all’interno di questo sistema umano (in cui viviamo tutti), devi comprendere il valore. Se puoi comunicare in termini di valore e se puoi fornire valore alle persone, puoi creare opportunità per te stesso ovunque.

 

 

 

Tip: la separazione o il divorzio diminuiscono la tua Performance personale?

Durante e dopo la fase di separazione o divorzio è innegabile la sensazione di fallimento che si prova a causa del mancato raggiungimento degli obiettivi che ci eravamo posti in partenza.

L’umore scende, la voglia di fare anche, il desiderio di essere invincibili e potersi risollevare pure,  e ti sembra che le performance che avevi un tempo siano solo un ricordo e che non potranno tornare più perchè tu sei diverso/a, sei cambiato/a, e di conseguenza devi subire alla situazione che stai vivendo.

Queste sono tutte emozioni e stati che si vivono regolarmente quando si affrontano questi momenti, non sei l’unica/o.

Voglio però rassicurarti sul fatto che esiste la possibilità in cui tu ti sentirai  meglio di prima, meglio di quando eri ragazzo, meglio di quando ti sentivi già forte, questo accadrà se riuscirai a sfruttare il momento che sta accadendo come potenziante per la tua vita e non limitante.

La formula della Performance, chiamata spesso anche equazione della potenzialità, sottolinea il modo in cui possiamo migliorare la nostra performance: analizziamola più in dettaglio.

Come disse Tim Gallwey, pioniere del Coaching e autore del best-seller internazionale – Il gioco interiore del tennis:

“ Nel tennis come nella vita esistono due livelli di “gioco”: quello esteriore espresso sul campo nella sfida con l’altro giocatore, e quello interiore che si svolge fra mente e corpo, pensieri ed emozioni, nel quale gli avversari sono i dubbi, l’insicurezza, l’ansia, il calo di concentrazione”.

In ogni sforzo umano ci sono due ambiti di coinvolgimento: quello esteriore e quello interiore.

  • L’ambito esteriore è ciò che vediamo succedere al di fuori di noi stessi: ad esempio, per un addetto alle vendite possono essere i risultati che ottiene (o che non ottiene, a seconda dei casi).
  • L’ambito interiore è quello degli atteggiamenti e dei valori dentro di noi che favoriscono, oppure ostacolano, quei risultati. Si tratta quindi di superare i nostri ostacoli interiori, come ad esempio dubitare di noi stessi, analizzare eccessivamente le situazioni, o avere paure, preconcetti e convinzioni limitanti.

Rivediamo l’equazione:

  • P =  p – i     (Performance = potenziale – interferenze)

In base a questa formula studiata scientificamente su campioni di livello internazionale, ma valida in qualsiasi ambito di vita,  per aumentare la performance:

  1. bisogna accrescere e sviluppare il fattore p, le proprie potenzialità 
  2.  ridurre o eliminare il fattore i, le interferenze.

 

Una rosa è una rosa, dal momento in cui è un bocciolo, a quello in cui appassisce e muore. Da quel primo momento fino alla fine contiene il suo intero potenziale.

Per un tennista, come per chiunque altro, il primo passo nella giusta direzione è vedere e sentire ciò che sta facendo, cioè aumentare la consapevolezza di ciò che realmente è.

Vincere significa superare gli ostacoli per raggiungere uno scopo, ma il valore del vincere è grande solo nella misura del valore dello scopo raggiunto. 

In altre parole, lo scopo del successo non è necessariamente il raggiungimento di un obiettivo, quanto la conoscenza di noi stessi che acquistiamo per raggiungere la nostra performance migliore.

 

Cos’è il nostro “dialogo interno”?

Cosa ti dice l’espressione, crea la tua realtà ?

 È una frase popolare e accattivante frequentemente usata nel Movimento del Potenziale Umano che si riferisce al modo in cui la nostra mente, attraverso l’attenzione e l’intenzione, struttura le nostre esperienze e percepisce la nostra realtà.

Il Dr. David Simon ( laureato in Medicina, è il direttore medico del Chopra Center for Well Being di La Jolla, in California) disse: “La realtà è un atto selettivo di attenzione e interpretazione”. Secondo questa visione, la nostra attenzione è ciò su cui focalizziamo la nostra intelligenza mentale, ma è durante l’interpretazione che l’intelletto analizza e trae significato. Questa interpretazione avviene sotto forma di dialogo interno .

Ma cos’è effettivamente il dialogo interno?

Il dialogo interno è la conversazione che il nostro ego sta avendo con se stesso. È la vocina sub-testuale che applica logica, ragionamento e credenze a situazioni, persone ed eventi.  In quanto tale, il dialogo interno svolge un ruolo vitale nel dare il significato alla nostra vita e alla realtà. Quando il nostro dialogo interno è oscuro, negativo e lugubre, vediamo un mondo filtrato attraverso certe qualità. Al contrario, quando abbiamo un dialogo interno positivo, edificante e ottimista, percepiamo la realtà in modo propositivo.

Per aiutarti a padroneggiare il tuo dialogo interiore e modellare la tua vita in uno stato mentale positivo di felicità e realizzazione posso consigliarti alcuni passaggi che ho sperimentato su me stessa, grazie anche a un libro illuminante “ Il quinto accordo “ di Don Ruiz , e che tutt’ora mi stanno dando soddisfacenti risultati.

Ho iniziato col far tacere quella vocina che tutto il giorno mi parla ( dialogo interno) e mi dirige sulle azioni da intraprendere o le cose da dire, in che modo? Trascorrendo del tempo in silenzio.

Non dico di arrivare alla Meditazione , anche se sarebbe molto utile per riavere serenità d’animo e fisica,  ma anche stando in silenzio per 15/20  minuti senza nessun disturbo, con gli occhi chiusi , sdraiati comodamente o seduti, ascoltando musiche rilassanti a basso volume, fa ritornare il silenzio dentro di noi e automaticamente si abbassano i livelli di stress , di cortisolo, di adrenalina e la vocina si quieta.

Generalmente abbiamo da 60.000 a 80.000 pensieri ogni giorno e la tranquillità del nostro ambiente mentale turbolento crea la tela bianca su cui dipingere una conversazione interna positiva. Quando la mente è ferma, diventa un campo fertile , ricettivo ai segnali che le diamo da quel momento in poi.

Secondo passaggio ho iniziato ad evitare i pensieri negativi. Non c’è dubbio che la negatività è diffusa nel nostro mondo moderno. Ovunque guardiamo, sembra che non ci sia fine. Questo, in parte, è dovuto al pregiudizio della negatività del nostro cervello – una tendenza comune è notare situazioni ed eventi negativi più facilmente di quelli positivi- Abbiamo ereditato questo artefatto neurologico dai nostri antichi antenati che, a causa della loro costante mentalità di sopravvivenza, dovevano sempre essere alla ricerca di pericoli o qualsiasi cosa che avrebbe messo a rischio la loro vita. Un bel tramonto o un buon pasto sono stati offuscati dalle esigenze di sicurezza e protezione. Portiamo ancora questa tendenza all’interno del nostro sistema nervoso e spesso inibisce la nostra capacità di vedere il bene nel mondo, anche quando è proprio di fronte a noi.

Pertanto, dobbiamo impegnarci ad allontanarci dalla negatività tutte le volte che possiamo. L’energia negativa può essere contagiosa e inquinare il dialogo interno con la paura, la rabbia. Cercare quindi di avere pensieri positivi è un grande aiuto per il nostro benessere mentale, ogni qualvolta ci viene in mente un fatto negativo, una persona negativa smettiamo di pensarci e spostiamo in nostro focus su qualcuno che ci vuole bene, che amiamo o su un fatto del quale siamo fieri, che ci riempie di gioia.

Terzo passaggio, credo il più importante per me, è non interpretare nulla di ciò che ti viene detto. Ho avuto dei problemi reali con il non prendere le cose che mi venivano dette in modo personale, cioè pensavo che il mio interlocutore mentre mi parlava di vari argomenti o di persone amiche, si riferisse in qualche modo anche a me e proprio qualche mese fa  ho superato l’ennesima sfida che mi si era presentata.

Questa tendenza a interpretare e supporre il pensiero altrui deriva dal fatto che noi crediamo di essere la verità. Facciamo supposizioni su ciò che gli altri stanno dicendo, le prendiamo sul personale ferendoci da soli e ponendoci quindi in un atteggiamento negativo nei confronti di chi parla.

Questo molto spesso capita per la paura di chiedere chiarimenti, così immaginiamo ciò che vuole dire e, pensando di avere ragione, difendiamo  le nostre idee cercando di rendere sbagliato qualcun altro.È sempre meglio fare domande che fare un’ipotesi.

Il giorno in cui smetterai di fare supposizioni con chi ti rapporti giornalmente ti stupirai di come il tuo stato interiore e il tuo dialogo interno cambieranno in meglio , anche il tuo modo di comunicare cambierà completamente e le tue relazioni non risentiranno più di conflitti creati da supposizioni sbagliate. Provaci è davvero importante!

Quarto passaggio ho cercato di avere un comportamento e un linguaggio impeccabile sempre più spesso, compito non facile anche questo perché nessuno di noi è perfetto. La parola e il comportamento sono naturali affioramenti del dialogo interiore.  Pertanto, quando scegli consapevolmente di praticare un linguaggio e un comportamento impeccabili, il tuo dialogo interno diventerà automaticamente più positivo e raffinato. Possiamo continuamente aspirare a portare dentro di noi lo spirito di impeccabilità.

Quinto passaggio ho imparato ad essere grata. La gratitudine è un potente stato mentale che provoca una trasformazione palpabile nel nostro panorama interiore. Ho spostato l’attenzione su quelle cose di cui posso essere grata, questo mi ha permesso di uscire dallo stato negativo.

Semplicemente ripetendo la frase, sono così grata per _____ , creiamo uno slancio positivo nel nostro dialogo interno. Concentrarsi su ciò che è buono o edificante nella tua vita ti condiziona anche a stare vigile nel cercare sempre più le stesse esperienze gratificanti nella tua vita – o come dice il proverbio, dove l’attenzione va, l’energia scorre -.

In ultimo , ma non per ultimo di importanza, ho capito quanto è determinante diventare scettica su ciò che sento e di essere altrettanto attenta a ciò che mi sta raccontando.

Vi è mai capitato di parlare con qualcuno e di pensare ai fatti vostri? Oppure di ascoltare prendendo per buono qualsiasi cosa stia dicendo, magari perché ci fidiamo della persona in questione oppure perché siamo stanchi e non vogliamo impegnarci in un dispendio ulteriore di energie mettendo in discussione ciò che stiamo sentendo?  A me si , anni fa quasi sempre, adesso quasi mai !

Quando impari ad ascoltare, sai esattamente cosa vogliono gli altri: una volta che sai quello che vogliono, quello che fai con quell’informazione dipende da te, puoi reagire o non reagire, puoi essere d’accordo o in disaccordo con quello che dicono, e questo dipende da quello che vuoi. Ho iniziato a usare il potere del dubbio per esaminare tutto ciò che sento. E’ davvero la realtà ?

Ascolta le intenzioni dietro le parole e comprenderai il vero messaggio.

Cambiando le tue abitudini e impostando, almeno inizialmente, qualcuno di questi passaggi sono sicura che otterrai dei miglioramenti di vita da subito. Non sono facili da applicare, lo so e se vorrai chiedermi supporto, sarò lieta di spiegarti meglio.

Oggi hai qualche strumento in più che ti permetterà di stare meglio. Dipende da te usarli oppure restare nella tuo solito stato .

Ora tocca solo a te.

Com’è il Natale da separato con figli?

Le vacanze sono un momento di festa. Dal preparare regali, decorare l’albero, al coro dei canti natalizi e partecipare alle varie feste che si succedono a ruota, aziendali, sportive, ludiche, ci sono molte occasioni per riunirsi con familiari, amici e persone care e godersi l’atmosfera. Se  tuttavia, stai attraversando una separazione o un divorzio, le vacanze possono invece essere tutt’altro che rilassanti, soprattutto se hai figli. Improvvisamente, le vecchie tradizioni familiari non sono adatte e trovarne di nuove può essere difficile.Ecco perché ho trovato il seguente elenco di tre cose da tenere a mente durante questo periodo, che ho maturato sulla mia vita, nel corso di tanti anni da mamma separata. Spero che questi suggerimenti ti aiutino ad avere una vacanza meravigliosa.

  • Decidere i regali

Per molte persone, i regali sono un modo per mostrare amore e apprezzamento per un’altra persona. Durante il divorzio o la separazione, non fare l’errore che fanno in tanti di usare i doni per tuo figlio facendo a gara con il tuo ex. O esagerare nella quantità per alleviare il tuo “senso di colpa “ .

È importante evitare di usare regali in questo modo perché è diseducativo per il figlio e assolutamente poco appagante per te, se non nel singolo istante in cui glieli dai.

Se possibile, coordinati con il tuo ex-partner in modo, anche, da non finire per dare ai vostri figli gli stessi regali, o ancor meglio sarebbe, unire  le forze e fare i regali insieme. Solo perché non siete più una coppia non significa che i vostri nomi non possano essere sulla stesso bigliettino di auguri. Non credi?

In effetti, presentarvi uniti potrebbe essere solo il più grande dono per il piccolo, anche se solo per quel momento.

  • Pianifica in anticipo tutto e mantieni le tue promesse

Le vacanze sono frenetiche, con più eventi e uscite sociali extra. Se questa è la tua prima vacanza da separata, è importante pianificare in anticipo e capire chi ha bisogno di essere dove e quando. Dovresti anche decidere in anticipo dove i bambini trascorreranno ogni parte della vacanza, se scegli di festeggiare separatamente. Ad esempio, la vigilia di Natale con un genitore e il giorno di Natale con un altro può essere un buon compromesso, ma solo se ne parli in anticipo. È anche importante attenersi al piano, una volta deciso. Le modifiche dell’ultimo minuto causeranno ulteriore stress e risentimento e soprattutto destabilizzano i ragazzi.

  • Dona amore a chi ne ha bisogno

Le vacanze sono anche un momento per riflettere sulle cose per le quali siamo grati e trascorrere del tempo con chi amiamo da sempre le renderà uniche. Entrambe queste cose possono essere difficili da fare se la tua famiglia sta affrontando un momento di cambiamento. Invece di concentrarti su te stesso e sulla tua situazione, guarda verso l’esterno e guarda cosa puoi fare per gli altri bisognosi. Se sarai solo per una parte della vacanza, scopri quali sono le opportunità di volontariato disponibili. Restituire aiuto e amore può essere una grande distrazione e un modo per onorare il vero significato del periodo.

Se non riesci ad affrontare queste festività in modo sereno e proprio non trovi la pace necessaria, prova a scrivermi, credo che un confronto, un suggerimento possano essere la chiave che ti occorre per viverle meglio.

 

 

 

 

Join our Newsletter

We'll send you newsletters with news, tips & tricks. No spams here.

Contact Us

We'll send you newsletters with news, tips & tricks. No spams here.