• Aprile 26, 2019

S.O.S: Come dire ai figli che mamma e papà si separano o divorziano

S.O.S: Come dire ai figli che mamma e papà si separano o divorziano

Una guida per fasce d’età

La notizia che mamma e papà si stanno separando colpisce un bambino di tre anni e un bambino di undici anni in modo diverso. Ecco come aiutare i bambini a gestire la situazione  a qualsiasi età.

Due genitori premurosi si sedettero accanto al loro figlio in età prescolare per informarlo del loro imminente divorzio. Con attenzione e dolcezza, gli dissero che mamma e papà avrebbero smesso di vivere insieme e che da quel momento avrebbero vissuto in case diverse, ma lui li vedrà comunque regolarmente entrambe. Finirono col dirgli il punto più importante, che mamma e papà lo amavano ancora di più e gli chiesero se avesse delle domande. Il bambino di quattro anni rimase in silenzio, poi disse: “Chi si prenderà cura di me?”

Questa piccola storia, raccontata dallo psicologo, mediatore e scrittore californiano Joan B. Kelly, offre una finestra sulle differenze tra le esperienze di divorzio tra adulti e bambini. Questi genitori avevano fatto tutte le cose giuste, avevano cercato una consulenza professionale e cercavano di dare a loro figlio le informazioni essenziali senza agitarlo. Eppure non sono riusciti a superare questo punto chiave, che poteva sembrare ovvio per loro, ma non lo era per il figlio.

Gli adulti vedono il divorzio per la complessa e sfaccettata situazione che è. I bambini piccoli tendono a vederlo in termini concreti ed egocentrici. Grandi rassicurazioni significheranno poco per un bambino che si chiede, “Dove vivrà il gatto?”,ad esempio . Capire dove sono i bambini, a livello evolutivo, può aiutarli ad adattarsi alla realtà del divorzio.

Come parlare ai figli dai 3 ai 5 anni sul divorzio:

  •  iniziano a sviluppare l’indipendenza, ma ancora altamente dipendenti dai genitori
  • capacità limitata di comprendere causa ed effetto; ancora incapaci di pensare al futuro
  • la comprensione del mondo ruota intorno a se stessi
  • la linea tra fantasia e realtà è a volte sfocata
  • alcune capacità di pensare ai sentimenti, ma limitata capacità di parlarne.

 

Quando ho incontrato Nicola e sua moglie Lisa l’autunno scorso, mi hanno raccontato della loro separazione e che i loro due figli, Andrea, sei anni, e Caterina, quattro, erano già abituati a stare con papà la maggior parte del tempo, dal momento che il lavoro di mamma la teneva fuori  città tranne pochi giorni al mese. Quindi, quando Lisa si trasferì dalla loro casa di Milano a Firenze,  ci volle un po ‘di tempo per capire il cambiamento. Quando i bambini tornarono a Milano dopo la loro prima visita del fine settimana dalla  madre, Caterina disse: “Mamma viene a casa nostra?” Anche se l’avevano appena lasciata. Ci vorrà tempo per la piccola e molte spiegazioni semplici prima che lei possa capire e metabolizzare come stanno realmente le cose.

 

Che cosa guardare: i segni di sofferenza nei bambini in età prescolare includono paura, rabbia o instabilità emotiva, che possono essere espressi indirettamente attraverso l’attaccamento, l’ansia o l’irritabilità generale. I bambini in età prescolare possono anche rallentare il loro sviluppo e avere risvegli notturni frequenti, per esempio.

Con la loro limitata capacità cognitiva, i bambini di tre e quattro anni possono sviluppare idee imprecise sulle cause e gli effetti del divorzio, specialisti in parent coaching americani hanno affermato che i bimbi in questa situazione pensano: “Se papà è quello che lascia la casa, ‘papà mi ha lasciato,’ piuttosto che ‘papà ha lasciato mamma,'”.  I bambini devono capire che la decisione di vivere separati è una decisione degli adulti e per  loro è difficile capirlo.

 

Priorità genitoriali: la cura costante da ai bambini un senso di stabilità e rassicurazione, quindi, per quanto possibile, le vite dei bambini devono essere ancorate alle loro normali abitudini (pasti, giochi, bagno, letto) in presenza di un genitore che è “lì per loro”. Questo, ovviamente, è importante per tutti i bambini , ma soprattutto dopo il divorzio. Come ho potuto osservare, se le cose non allontanarsi da casa andando sempre più spesso con gli amici. Bambini piccoli e bambini in età prescolare non possono.

I bambini in età prescolare hanno bisogno di spiegazioni semplici e concrete. Attenersi a quelle basiche: quale genitore si trasferirà, dove il bambino vivrà, chi si occuperà di lui e con quale frequenza vedrà l’altro genitore. Siate preparati alle domande; fornite risposte brevi, quindi attenderete per vedere se ce ne sono altre. Non aspettatevi che una conversazione  finisca il vostro lavoro; pianificate diversi e brevi colloqui coi piccoli.

Come parlare ai figli dai 6-11 anni sul divorzio:

Da 6-8 anni 

Compila il form per leggere l’articolo completo e per poter accedere a tutti gli articoli che possono esserti utili per vivere la vita che desideri

Lascia una risposta

Join our Newsletter

We'll send you newsletters with news, tips & tricks. No spams here.

Contact Us

We'll send you newsletters with news, tips & tricks. No spams here.